Skip to content

Bambini nel web: un'indagine sugli aspetti sociologici, psicologici e comunicativi

Informazioni tesi

  Autore: Maria Chiara Perri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Editoria, comunicazione multimediale e giornalismo
  Relatore: Annamaria Tammaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

Sempre più bambini italiani, dai 3 ai 14 anni, utilizzano internet. Un trend in continua crescita dall'inizio del decennio, come confermano indagini condotte dai più importanti istituti di ricerca nazionali e internazionali.

Una realtà, quella dei bambini nel web, riconosciuta a livello istituzionale. Ma mentre il tema della sicurezza è quello sentito come più urgente, sono ancora scarse se non inesistenti le politiche attive per fornire all'utenza infantile spazi web protetti e idonei alle specifiche esigenze di apprendimento dei più piccoli.

Questo lavoro parte dall'analisi del comportamento dei bambini italiani in Internet nei suoi aspetti quantitativi e qualitativi e dei documenti ufficiali che prendono in considerazione il fenomeno, per arrivare a delineare le linee guida per la realizzazione di un sito web appositamente progettato per un'utenza infantile in quanto a contenuti, struttura e design.

Viene quindi fornita una prospettiva dei diversi livelli di sviluppo e di raggiungimento delle abilità nelle varie fasce d'età infantile, così come sono state delineate dalle maggiori teorie di psicologia dello sviluppo. I principi della developmentally appropriate practice sono così applicati al design di ambienti digitali che favoriscano l'apprendimento autonomo dei bambini in una prospettiva costruttivista, che dà valore alle esperienze situate in un contesto collaborativo.

Un capitolo viene dedicato ai più recenti studi di usabilità che hanno coinvolto direttamente i bambini nel processo di design di siti e portali web per identificare così le particolarità di questa fascia d'utenza.

Infine, l'ultimo capitolo è dedicato a una proposta concreta di realizzazione di portale web istituzionale e culturale per bambini, che possa trovare spazio nel panorama dell'offerta di servizi digitali pubblici della città di Parma.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Nel 2001, fece il giro del mondo la notizia di un singolare studio pubblicato sul British Journal of Educational Technology1. Due ricercatori indiani, Sugata Mitra e Vivek Rana, avevano realizzato un piccolo “internet point”, composto da un computer pentium connesso a Internet (il cui monitor era installato dietro a una finestra in un muro) con cui era possibile interagire grazie a un mouse “touchpad”, liberamente accessibile dagli abitanti di uno “slum” nella periferia di New Delhi. La maggior parte degli indiani appartenenti alle fasce più povere della società, compresi i bambini, è analfabeta o semi- alfabetizzata e ha una scarsa conoscenza della lingua inglese. Gli studiosi hanno osservato e registrato per un mese il comportamento nei confronti del nuovo oggetto tecnologico di persone che non avevano mai avuto la possibilità di conoscere e utilizzare un computer. I risultati sono stati sorprendenti: mentre gli adulti, donne e uomini, hanno mostrato reticenza ad avvicinarsi al computer e ad interagire con esso, senza cambiare idea col passare del tempo, i bambini sono partiti dallo zero per diventare esperti dell’uso di internet e delle funzioni essenziali di Windows senza l’aiuto di un insegnante. L’esperienza fu ripetuta più volte, confermando gli stessi risultati. La notizia non mancò di stimolare l’interesse occidentale per un certo tipo di “gossip scientifico”: studi e scoperte che assurgono agli onori della cronaca più per la singolarità e per la popolarità del tema trattato che per la rilevanza scientifica. In questo caso, l’esperimento sembrava suggellare il luogo comune “i bambini sono geni del computer”, che gli adulti amano ripetere, in molti casi come una sorta di giustificazione per la propria incompetenza nell’uso dei nuovi media. Ma al di là degli aspetti favolistici, la storia dei piccoli indiani poveri e incolti che acquisiscono il dominio del web offre diversi spunti di riflessione sul rapporto tra infanzia e nuove tecnologie. Per quanto infatti sia sicuramente un’esagerazione affermare che i bambini siano per natura “geni del computer”, questa considerazione è dettata dal forte interesse e dalla curiosità che i piccoli mostrano fin dalla più tenera età per pc e videogiochi. Non dimentichiamo 1 Sugata M., Vivek R. (2001), Children and the Internet: Experiments with minimally invasive education in India, “British Journal of Educatonal Technology”, vol.32, n° 2.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi