Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Commercio Equo e Solidale: conseguenze e impatto sullo sviluppo sostenibile

La tesi è sul CEeS; è suddivisa in tre capitoli. Il primo tratta le caratteristiche generali del CEeS (definizione, principi, attori). Nel secondo capitolo vengono descritti gli strumenti utili per studiare e capire il CEeS (teorie classica, neo-classica, teorie della crescita, approcci all'economia del benessere). Infine nel terzo capitolo si parla delle conseguenze del CEeS sullo sviluppo sostenibile, delle prospettive future e infine sono presenti alcune critiche da parte di economisti allo stesso CEeS. Inoltre è allegata una parte sperimentale formata da due interviste ad altrettanti operatori delle botteghe del mondo; i risultati sono racchiusi in una SWOT analysis. In tutto sono fra le 80 e le 90 pagine

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Trentacinque anni fa, quando un gruppo di giovani inaugurò a Breukelen, una piccola città olandese, il primo world shop (bottega del mondo), non avrebbe potuto immaginare quale sviluppo avrebbe avuto il movimento del commercio equo e solidale (d’ora in poi CEeS). In trentacinque anni, attraverso progetti concreti, grandi e piccoli, centinaia di migliaia di produttori agricoli e artigianali di Africa, Asia a America Latina, sono entrati in contatto, in relazione d’amicizia, con le organizzazioni europee (nordamericane, giapponesi, australiane, ecc.) del fair trade. Lo slogan trade not aid fu lanciato per la prima volta a Ginevra nel 1964: il proposito, diversamente dalle politiche di aiuto, era di utilizzare uno strumento come il commercio per modificare delle realtà produttive nel Terzo Mondo e incentivare o sviluppare un processo di cambiamento, di sviluppo, sostenibile (sostenibile dal punto di vista ambientale, sostenibile nel lungo periodo), comunque uno sviluppo che non sia del tutto vincolato all’intervento esterno 1 . 1 Cfr. Preble C., Tupy M.L., Trade, Not Aid, This article appeared on Reason Online on June 17, 2005.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Valerio Cutolo Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7158 click dal 27/04/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.