Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie competitive di una piccola impresa di autotrasporto di derrate alimentari del Lazio

Il ruolo della logistica nella gestione delle attività industriali va assumendo sempre maggiore importanza in relazione all’affermarsi della globalizzazione del mercato che spinge le aziende ad essere sempre più competitive in relazione alla qualità del servizio, alla minimizzazione dei costi e alla tempestività dell’informazione.
Solo recentemente le strategie aziendali concentrano maggiormente l’attenzione sulla logistica, trasversale alle aree gestionali tradizionalmente individuate nel sistema azienda, in quanto essa presenta ampi margini di azione per ridurre i costi e raggiungere i livelli di efficienza ed efficacia richiesti.
L’ambiente logistico semplicemente può essere definito come il complesso delle attività che pianifica ed organizza la programmazione , l’esecuzione e la gestione dei flussi di prodotti ed informazioni dal processo di approvvigionamento delle materie prime a quello di distribuzione dei prodotti finiti sul mercato.
La logistica è dunque un processo che ha il compito di gestire con efficienza, minimizzando i costi, e con efficacia, offrendo al consumatore un livello di servizio conforme alle sue aspettative, tutte le attività necessarie a movimentare dal punto di origine a quello di destinazione sia il flusso fisico di materie prime, semilavorati e prodotti che il flusso informativo ad esso connesso .
Nella definizione del CLM si intravede il concetto di supply chain management, il quale, andando oltre ai confini della singola impresa, è volto a gestire in modo integrato e sistemico, in un’ottica di ottimizzazione globale, i medesimi flussi lungo l’intera catena di fornitura del prodotto finale, supply chain appunto. I flussi fisici ed informativi, a cui si possono aggiungere quelli finanziari relativi ai mezzi di pagamento, attraversano e collegano ogni singolo anello della catena dal primo fornitore di materie prime al consumatore finale e permeano tutte le singole attività svolte da questi soggetti, dal disegno o ideazione del progetto alla sua distribuzione ed alle attività post-vendita di installazione e/o assistenza e di recupero dei materiali (reverse logistics).
Volendo articolare il sistema logistico, si possono distinguere l’insieme delle attività connesse ai flussi descritti in precedenza. Il flusso fisico rappresenta l’aspetto operativo dell’ attività logistica connesso alla movimentazione, allo stoccaggio e manipolazione delle merci (materie prime, semilavorati, prodotti finiti), che assicura la quantità desiderata nei tempi e nei luoghi della produzione e del mercato di destinazione dei prodotti finiti.
Il flusso informativo, invece, si riferisce alla raccolta e alla gestione delle informazioni che fluiscono ai diversi livelli ed aree aziendali e che si sviluppano lungo quattro percorsi:
 Flusso informativo esterno da e per l’azienda (ordini dei clienti, ordini di acquisto ai fornitori);
 Flusso informativo interno tra i sub sistemi aziendali coinvolti a qualsiasi titolo nella gestione degli ordini (produzione, marketing, contabilità, personale ognuno per le sue competenze);
 Flusso informativo interno per l’esecuzione degli ordini (ordini di produzione, ordini di carico/scarico magazzini);
 Flusso informativo di controllo della correttezza delle esecuzioni (controllo qualità del prodotto e servizio al cliente).
La gestione efficiente ed efficace di entrambi i flussi consente di ottimizzare l’interfaccia della attività produttiva con il mercato di approvvigionamento ed il mercato di sbocco. Tale gestione si configura come un disegno di una rete ottimale di infrastrutture sia per singola impresa che per singola filiera o segmento della medesima (rete logistica).

Mostra/Nascondi contenuto.
Università degli Studi Roma Tre Facoltà di Economia “Federico Caffè” Corso di Laurea in Economia Aziendale ESTRATTO Tesi di laurea in Economia e Gestione delle Imprese LE STRATEGIE COMPETITIVE DI UNA PICCOLA IMPRESA DI AUTOTRASPORTO DI DERRATE ALIMENTARI DEL LAZIO Anno Accademico 2004/2005 Relatore Prof. Roberto Aguiari Laureando Enrico Perchi Correlatore Dott. Alberto Pezzi

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Enrico Perchi Contatta »

Composta da 308 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3152 click dal 26/04/2007.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.