Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tasso di crescita effettivo, naturale e garantito in Harrod e Kaldor

“Of course”, scrive Harrod, “we wish for a steady rate of progress with full employment, [..], all along the line. But what of the analysis? Full employment is one thing and steady rate of progress quite another”.
(R.F. Harrod, Towards a Dynamic Economics).
L'esistanza ed il funzionamento dei meccanismi che portano il sistema economico ad un livello di produzione di piena occupazione è uno dei problemi fondamentali della teoria della crescita.
Nel presente lavoro si parte da Harrod e dal suo famoso modello a lama di rasoio; viene presentata una economia instabile in cui il tasso di crescita garantito può essere raggiunto solo per caso; non esistono meccanismi endogeni che portano la produzione al livello di pieno impiego. Sucessivamente viene affrontato il modello di Solow; il modello di crescita neoclassica per eccellenza: mercati completi e concorrenza perfetta portano necessariamente alla piena occupazione. Il modello di Solow sarà fondamentale per lo sviluppo delle successive teorie eocnomiche della crescita. Per ultimo si affronta il lavoro di Kaldor. Economista geniale che ha intuizioni interessanti riguardo la crescita e la sua interazione con quei fattori che sono generalmente esogeni nei modelli neoclassici.
Di particolare interesse il risultato che porta la crescita della forza lavoro (esogena in tutti i modelli di crescita) ad essere una variabile del sistema economico (si pensi alle migrazioni).

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione “Of course”, scrive Harrod, “we wish for a steady rate of progress with full employment, [..], all along the line. But what of the analysis? Full employment is one thing and steady rate of progress quite another” 1 . Ciò che l’analisi dice è che, affinché un’economia cresca in equilibrio, il tasso di crescita effettivo deve essere uguale al tasso garantito, e affinché cresca in equilibrio di pieno impiego, il tasso di crescita effettivo deve essere uguale al tasso di crescita garantito e quest’ultimo deve essere uguale al tasso di crescita naturale. Secondo Harrod l’uguaglianza tra i tre tassi è possibile solo grazie al caso, essendo ciascuno di essi determinato indipendentemente dagli altri due. In particolare, il tasso di crescita garantito dipende da due variabili, la propensione al risparmio e il rapporto capitale-prodotto desiderato dagli imprenditori, che Harrod considera date esogenamente. Il tasso di crescita naturale è, a sua volta, determinato da altre due variabili assunte come esogene: il progresso tecnico e l’incremento della forza lavoro. Nei primi due capitoli del presente scritto ricostruiremo la posizione di Harrod. Chiariremo, fra l’altro, come la costanza del rapporto capitale-prodotto si ricolleghi, nella sua analisi, all’idea di Keynes che il saggio di rendimento del capitale impiegato nella produzione si adegui, attraverso la scelta di un appropriato rapporto capitale-prodotto, al tasso dell’interesse determinato nel mercato della moneta: se le condizioni del mercato della moneta non variano, come Harrod assume, e se il progresso tecnico è “neutrale secondo Harrod”, il rapporto capitale-prodotto resterà costante. Gli autori successivi hanno, in generale, assunto che l’economia avesse la tendenza a portarsi in una situazione di pieno impiego, e si sono posti il problema di conciliare il tasso di crescita garantito con il tasso di crescita naturale. Fra tali tentativi di conciliazione, quello operato da Kaldor negli anni ’50-’60 – di cui ci occuperemo nel terzo capitolo – si basa, come è noto, sulla variabilità della propensione al risparmio dell’economia, considerata come una media ponderata della propensione al risparmio sui salari e di 1 R.F. Harrod, Towards a Dynamic Economics, Macmillan & Co Ltd, London 1948, p.74 3

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Jakob Grazzini Contatta »

Composta da 42 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4153 click dal 27/04/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.