Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo congressuale in Campania

Il turismo congressuale è un comparto estremamente dinamico che attualmente registra le migliori performance, in termini di sviluppo, all’interno del settore turistico.
Gli eventi aggregativi non possono, però, essere assimilati esclusivamente al puro ambito turistico; come si vedrà nel corso della trattazione tali eventi discendono dall’esigenza ancestrale dell’uomo di comunicare, conoscenze ed esperienze, che si è tramutata, nella società contemporanea, in un business altamente remunerativo per gli attori presenti nelle destination coinvolte da tale fenomeno.
Il fatto che sia un settore in rapidissima evoluzione significa che i fattori critici di successo stanno cambiando rapidamente.
L’interpretazione di tali fattori è molto complessa, a causa delle profonde differenze fra una destination e un’altra, ed a causa delle molteplici direzioni di sviluppo, il che comporta differenti strategie per raggiungere differenti target.
Dopo aver analizzato, nel corso del primo capitolo, il segmento congressuale, analizzando la domanda e l’offerta, sia nazionale che regionale, si passerà ad un’analisi meno “statistica” e più economico-legislativa.
Si approfondirà, nel secondo capitolo, il quadro normativo di riferimento e saranno suggerite alcune modifiche da apportare ad esso, per aumentare la competitività nazionale e regionale; nel proseguo sarà dato ampio risalto al marketing mix del segmento congressuale, focalizzando l’attenzione sulla promozione, la quale risulta essere la più importante delle leve del marketing congressuale.
Nell’ultimo paragrafo del secondo capitolo si cercherà di spiegare l’importanza degli eventi aggregativi per la regione Campania, vedendo in tali eventi una importante opportunità di destagionalizzazione dei flussi turistici.
Nel terzo ed ultimo capitolo verrà effettuata un’analisi strategica utilizzando alcune tecniche, SWOT e VRIO analysis, e verranno analizzate alcune criticità del sistema congressuale campano, cercando di fornire delle possibili soluzioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il turismo congressuale è un comparto estremamente dinamico che attualmente registra le migliori performance, in termini di sviluppo, all’interno del settore turistico. Gli eventi aggregativi non possono, però, essere assimilati esclusivamente al puro ambito turistico; come si vedrà nel corso della trattazione tali eventi discendono dall’esigenza ancestrale dell’uomo di comunicare, conoscenze ed esperienze, che si è tramutata, nella società contemporanea, in un business altamente remunerativo per gli attori presenti nelle destination coinvolte da tale fenomeno. Il fatto che sia un settore in rapidissima evoluzione significa che i fattori critici di successo stanno cambiando rapidamente. L’interpretazione di tali fattori è molto complessa, a causa delle profonde differenze fra una destination e un’altra, ed a causa delle molteplici direzioni di sviluppo, il che comporta differenti strategie per raggiungere differenti target. Dopo aver analizzato, nel corso del primo capitolo, il segmento congressuale, analizzando la domanda e l’offerta, sia nazionale che regionale, si passerà ad un’analisi meno “statistica” e più economico-legislativa. Si approfondirà, nel secondo capitolo, il quadro normativo di riferimento e saranno suggerite alcune modifiche da apportare ad esso, per aumentare la competitività nazionale e regionale; nel proseguo sarà dato ampio risalto al marketing mix del segmento

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Agnello De Rosa Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5951 click dal 04/05/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.