Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Digital Divide e sviluppo umano. Contraddizioni e squilibri della Società in rete

In sintonia con la teoria Castellssiana definiamo "Società in rete" la società sorta dagli impressionanti e rivoluzionari progressi tecnologici iniziati a partire dalla seconda metà del secolo scorso. A differenza di ogni epoca passata, nell'odierna Società in rete le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) hanno un impatto profondo in ogni ambito dell'organizzazione sociale e sono strettamente legate ad ogni processo di sviluppo. Conseguentemente, anche i processi che maggiormente caratterizzano la società odierna, gli squilibri nello sviluppo e nella distribuzione delle ICT, sono in stretta relazione. E' ormai universalmente riconusciuto che gli squilibri nell'accesso alle ICT contribuiscono alla stratificazione economica e sociale. La tesi si concentra inizialmente sull'analisi di questa relazione: l'attenzione è posta principalmente sulle dinamiche dell'irregolare distribuzione delle ICT, ovvero il Digital Divide, in relazione alle problematiche nello sviluppo sociale, economico ed umano. L'obiettivo che ci si pone è quello di trovare un modello di analisi ed intervento sul Digital Divide, esaustivo, specifico e condiviso, al fine di determinare una prassi comune negli interventi e nelle politiche volti al superamento del problema attuati dai principali attori sociali interessati: stati, Organizzazioni Internazionali, società civile e settore economico privato. Tra i tanti analizzati, il modello che soddisfa maggiormente i criteri individuati è il Real Access / Real Impact. Questo modello può rappresentare un valido compromesso in quanto potenziale framework condiviso utile per l'implementazione di politiche sul Digital Divide e sullo sviluppo cooperanti ed efficaci. Infine si svolge un'approfondita analisi di alcuni livelli del Digital Divide: la distribuzione dell'infrastruttura della rete (geografia dei router e delle linee di trasmissione), la distribuzione degli utenti di Internet nel mondo (basata sulle più aggiornate e attendibili statistiche), la distribuzione della produzione dei contenuti in rete (attraverso la mappatura mondiale della distribuzione dei domini ccTLD e gTLD) e il divario linguistico (rappresentato dagli squilibri nella rappresentazione dei linguaggi online). Nelle conclusioni la riflessione si concentra sulle potenzialità delle nuove forme della rete (il cosidetto Web 2.0) che, grazie alla libera circolazione e diffusione delle informazioni e della conoscenza, stanno trasformando il modo in cui gli utenti usano la rete e la relazione tra uomo e ICT, e rappresentano un nuovo orizzonte ricco di speranze per un utilizzo democratico, libero e cooperativo di Internet, ponendosi in tal modo come nuovo e formidabile strumento per la lotta al superamento del Digital Divide.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE “Più (volte) ho visto ingannarsi l’universale dei mecanici, nel volere a molte operazioni, di sua natura impossibili, applicare macchine, dalla riuscita delle quali, […] sono restati ingannati” Galileo Galilei 1 Societ dell informazione, network society, societ della comunicazione, societ in rete: sono solo alcune delle tante definizioni che sono state date in questi ultimi anni alla societ umana. Tante etichette per un solo feticcio, l Era contemporanea, che si distingue dalle epoche passate per un elemento decisivo: le nuove tecnologie della comunicazione e dell informazione. Evitando difficili ragionamenti etimologici, affermiamo con cognizione di causa che il termine Societ dell informazione, tanto per citarne uno dei molti, Ł generalmente usato in riferimento all epoca che, a partire dall ultimo quarto del secolo scorso, ha visto l affermarsi in maniera rivoluzionaria dell informazione e della comunicazione nei processi sociali e di sviluppo. Ripeto: in maniera rivoluzionaria, perchØ, ad onor del vero, come ci insegna Mattelart: «l idea di societ governata dall informazione risale a ben prima dell ingresso della nozione di informazione nella lingua e nella cultura della modernit 2 ». Del resto la necessit di creare, diffondere e condividere informazione Ł intrinseca nella condizione umana ed Ł alla base della crescita dell umanit , della nascita della societ e dello sviluppo delle culture 3 . Avremo modo di spigare in che senso, al giorno d oggi, l informazione, intesa nel senso piø ampio di elaborazione e trasmissione del sapere, ha assunto un ruolo ben piø centrale e determinante nella societ umana rispetto ai tempi passati. Ci che preme introdurre ora Ł dare risposta all interrogativo insito nella definizione appena menzionata: che cosa sono le nuove tecnologie della 1 Galilei Le Mecaniche , in Galilei (1980, p. 141) 2 Mattelart (2002) cit. in Corti et al. (2005, pp. 21-22) 3 Cfr. Corti et al. (2005, p. 21) 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Luca Immovilli Contatta »

Composta da 327 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5393 click dal 04/05/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.