Skip to content

La Dottrina Eisenhower Genesi e Sviluppi 1956 - 1958

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Sigura
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Liliana Saiu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

La tesi tratta della Dottrina Eisenhower, quindi dell'ingresso della superpotenza americana in Medio Oriente in seguito alla crisi di Suez del 1956, che segnò il declino delle vecchie potenze europee nell'area.
Il primo capitolo tratta gli elementi causali, in particolar modo le ragioni che spinsero Eisenhower a elaborare una dottrina per il Medio Oriente alla luce anche degli interessi petroliferi e dello scenario internazionale. Il secondo capitolo analizza l'impatto della Dottrina nei paesi del Medio Oriente, in particolar modo il suo scontro con il nazionalismo arabo di Nasser. Il terzo capitolo infine tratta dell'applicazione pratica della Dottrina con il conseguente intervento armato anglo-americano nella crisi libanese e giordana del 1958, e si chiude con un analisi sulle ragioni del fallimento della suddetta dottrina.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il concetto di “dottrina” ha acquisito nel tempo molteplici significati, che si sono sviluppati da quello originario, etimologico, del latino doctrina, da doceo “insegno”. Il significato primo del termine è strettamente legato alla religione, e di questa indica l’insieme degli insegnamenti dogmatici e morali e delle norme liturgiche, e infine anche il testo che li raccoglie. Nel linguaggio politico, invece, la voce “assume particolare significato specialmente nel linguaggio diplomatico americano, dove designa l’enunciazione formale, da parte di un capo di stato o di un uomo politico responsabile, della linea politica a cui il suo paese si atterrà riguardo un dato settore delle relazioni internazionali” 1 . Ciò che rende assolutamente peculiare l’esperienza americana è che il concetto di “dottrina” è pensato in modo da agire in maniera duplice. Da un lato, interviene sull’ hic et nunc, sul contingente specifico, in modo da legittimare una situazione che si è venuta a creare. In seguito, serve a determinare una politica di ampio respiro, protratta a tempo indefinito, per tutti i casi che appaiano simili o relazionabili tra loro, intendendo costituire un formale precedente che vincoli ed indirizzi l’azione dei successori nella soluzione dei casi analoghi. Appare singolare che gli Stati Uniti, un paese relativamente giovane a livello istituzionale, prudentemente e nel contempo ostinatamente arroccato nel suo isolamento, che assunse solo nel secondo dopoguerra il ruolo di potenza egemone dell’Occidente, abbiano sempre privilegiato, nel corso della loro giovane storia, nel loro approccio alle questioni internazionali lo strumento delle “dottrine”, cioè di politiche che affrontando il caso specifico ponessero però le basi di una politica di più ampio respiro. Il debutto degli Stati Uniti sulla scena internazionale è sancito dalla Dottrina Monroe, varata nel 1823, secondo la quale gli Stati Uniti, volendo affermare l’indipendenza delle nazioni del Nuovo Mondo, avrebbero considerato il tentativo di ingerenza da parte delle potenze coloniali europee “in qualsiasi porzione di questo emisfero come pericoloso per la nostra pace e per la nostra sicurezza” 2 . Sperando di evitare un vuoto di potere in una regione la cui importanza strategica stava diventando vitale, inoltre, la Casa Bianca decise nel Marzo 1947 di subentrare agli impegni economici e militari della Gran Bretagna in Grecia e Turchia sotto gli auspici della Dottrina Truman, al fine di far fronte alle possibili minacce di sovversione e di aggressione comunista . Durante l’amministrazione repubblicana di Eisenhower, invece, le “dottrine” che vengono enunciate e che verranno ricordate per la loro rilevanza sono due, la Dottrina di Formosa e la Middle East Resolution, meglio nota come Dottrina Eisenhower. La cosiddetta Dottrina di Formosa, elaborata nel Gennaio 1955, autorizzava il presidente ad impiegare le forze armate degli Stati Uniti allo scopo di proteggere l’isola di Formosa e le isole Pescadores da qualsiasi attacco armato, in particolare da parte della Repubblica Popolare Cinese. 1 NORBERTO BOBBIO, NICOLA MATTEUCCI, GIANFRANCO PASQUINO, ‘Dottrina’, in Il Dizionario di Politica, UTET, Torino, 2004, pag. 300. 2 Citazione tratta da DOUGLAS LITTLE, American Orientalism, The United States and the Middle East Since 1945, The University of North Carolina Press, Chapel Hill, London, 2002, pag. 118.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi