Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dallo Schermo al ''Flusso''. Il Divismo tra cinema e televisione


L’obiettivo della tesi è stato analizzare il fenomeno del divismo ad un livello sociologico dai primi anni del XX secolo ad oggi. Da questo riferimento si è tentato di individuare argomenti correlati che potessero meglio definire la riflessione: il divismo seguito dalle teorie di sociologi del calibro di Edgar Morin, che spiega il significato di star in rapporto alla cultura di massa, e di Francesco Alberoni, che propone una ricerca sociologica sui divi e i politici. E’ stato preso in considerazione il divismo in quanto fenomeno sociale individuando le ragioni dell’esistenza del mito, le relazioni divo/pubblico, della bellezza e dei giovani che imitano la star. Di seguito, viene preso come punto di riferimento e di svolta l’avvento del mezzo televisivo, distinguendo due tipologie di divismo. Nella parte dedicata al periodo precedente la tv, viene spiegato lo star-system, il fan-club, la moda che lancia il divo con riferimento a Simmel, i processi di identificazione e proiezione. Nella parte successiva, che riguarda il periodo segnato dall’avvento della tv, viene descritto il concetto di flusso elaborato da Raymond Williams facendo presente che la figura classica del divo si indebolisce con le diramazioni nella società del medium televisivo. L’analisi della crisi dello star-system e degli ultimi divi come James Dean e Marilyn Monroe rappresentano lo spartiacque per il fenomeno divistico: la televisione di oggi è un mezzo così potente che chiunque vi appaia, può raggiungere fama e celebrità in breve tempo.
In questo contesto si inserisce la star Madonna, diva che si evolve e si trasforma in base ai cambiamenti sociali.
Nella parte successiva la riflessione si sposterà sul pettegolezzo, quale dinamica di comunicazione in grado, da un lato, di sorvegliare le attività degli individui appartenenti ad una comunità, e dall’altro, di esasperare ed enfatizzarne il comportamento.



Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il titolo della tesi esprime con una certa descrittività l’obiettivo di chi scrive: analizzare il fenomeno del divismo ad un livello sociologico dai primi anni del XX secolo fino ad oggi. Conforta sapere che anche un sociologo importante come Edgar Morin abbia scritto un libro sulle star facendo una precisazione: Questo libro si interessa a ciò che per gran parte della sociologia ufficiale era (e resta) confinato tra gli argomenti insignificanti e stupidi. Tuttavia […] sono sempre più persuaso che non bisogna mai essere irriguardosi nei confronti di un fenomeno […] 1 . Oltre a Le star, Morin pubblica all’inizio degli anni ‘60 Lo spirito del tempo, ovvero uno studio apparso in Europa sulla “cultura di massa” riuscendo a dimostrare come questa non sia solo uno strumento per fughe immaginarie dal mondo, ma anche produzione di modalità di partecipazione alla realtà del XX secolo. Lo studio compiuto da Morin ha influenzato anche il 1 E. Morin, Le Star, Redifin-Edizioni Olivares, Milano 1995, p. 23

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Raffaella Di Battista Contatta »

Composta da 109 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9084 click dal 04/05/2007.

 

Consultata integralmente 19 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.