Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La struttura sociale organizzativa

Nell’ambito della teoria dell’organizzazione, lo sviluppo storico della questione strutturale è relativamente recente e mostra un cammino alquanto difforme. Secondo Bonazzi, l’analisi della questione organizzativa deve riguardare ciò che avviene all’interno delle organizzazioni tradizionalmente intese. Nella storia della teoria dell’organizzazione, la questione strutturale viene affrontata da due principali correnti di pensiero: quella che rivolge lo sguardo alle decisioni prese dagli uomini all’interno delle organizzazioni e quella che esamina, più attentamente, le risorse reperibili dall’esterno da parte dell’organizzazione stessa, al fine di sopravvivere.
Nei capitoli che seguono sono presi in considerazione i teorici che hanno dato un contributo importante al tema della struttura sociale organizzativa. In particolare, si parlerà della teoria funzionalista; del modello simoniano della razionalità limitata; dei contributi più recenti alla questione strutturale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Gli uomini come singoli possiedono una razionalità limitata e nel perseguire obiettivi complessi sentono la necessità di ricorrere alla cooperazione organizzata. E’ da qui che nascono le organizzazioni, forme di aggregazione che hanno il vantaggio di possedere un efficace equilibrio tra capacità diverse, contributi richiesti ed incentivi offerti. Al fine di gestire i compiti all’interno di un’organizzazione si tende a darle una struttura, che in ogni caso emergerebbe spontaneamente dalle relazioni che vengono ad instaurarsi tra i suoi componenti. Nel linguaggio comune, le accezioni del termine organizzazione, sono principalmente due: una fa riferimento ad un ente sociale che si fonda sulla divisione dei compiti lavorativi e sulla diversità delle competenze richieste; l’altra denota il modo in cui una determinata entità è organizzata e strutturata. In quest’ottica, le correnti di pensiero che si occupano della questione organizzativa, lo fanno guardando sia alle organizzazioni che alla loro organizzazione: per questo i teorici dell’organizzazione, che appartengono al ramo politico, a quello economico e al sociologico, si sono interrogati negli anni con lo scopo di rintracciare una struttura organizzativa ottimale in cui corrispondano efficienza ed efficacia in termini di un rendimento organizzativo sempre in crescita.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Ilaria Di Russo Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4290 click dal 04/05/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.