Skip to content

Profarmaci polimerici per rilascio sito specifico

Informazioni tesi

  Autore: Carla Cognolato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Chimica e Tecnologia Farmaceutiche
  Relatore: Maria Veronese Francesco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 76

Sviluppo di coniugati polimerici di farmaci per uso orale destinati ad un rilascio sito specifico nel colon. Per raggiungere l’obiettivo prefissato si è pensato di sfruttare una caratteristica di questo tratto intestinale quale la presenza di una ricca flora batterica responsabile della produzione di una gran varietà di enzimi riversati nel lume colico. L’attenzione è stata concentrata sulle azoreduttasi, enzimi capaci di catalizzare la reazione di riduzione del legame diazo con ripristino di due gruppi amminici primari. Si è pensato quindi di legare l’agente terapeutico al polimero mediante tale legame. Il farmaco di interesse è la mesalazina: antinfiammatorio non steroideo utilizzato ampiamente per disturbi infiammatori cronici dell’intestino come la colite ulcerosa e la malattia di Crohn, per la sua capacità di inibire la ciclossigenasi andando così a modulare la produzione di mediatori dell’infiammazione.L'idea è stata estesa anche alla camptotecina, farmaco antitumorale.Ottimi risultati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Riassunto 1 RIASSUNTO Nel presente lavoro di tesi sono stati sviluppati dei coniugati polimerici di farmaci per uso orale destinati ad un rilascio sito specifico nel colon. Per raggiungere l’obiettivo prefissato si è pensato di sfruttare una caratteristica di questo tratto intestinale quale la presenza delle azoreduttasi, enzimi capaci di catalizzare la reazione di riduzione del legame diazo con ripristino di due gruppi amminici primari. Si è pensato quindi di legare l’agente terapeutico al polimero mediante tale legame. Il farmaco di interesse è la mesalazina: antinfiammatorio non steroideo utilizzato ampiamente per disturbi infiammatori cronici dell’intestino come la colite ulcerosa e la malattia di Crohn, per la sua capacità di inibire la ciclossigenasi andando così a modulare la produzione di mediatori dell’infiammazione. La sua struttura chimica presenta il nucleo dell’acido salicilico con una funzione amminica primaria in 5. Per la formazione del coniugato si è usato mPEG-PABA attivato a ione diazonio e fatto reagire in una reazione di sostituzione elettrofila aromatica col salicilato di sodio in tampone borato o con acido salicilico in solvente organico. Una volta ottenuti i prodotti sono stati isolati e caratterizzati. Essi, dovendo essere somministrati per via orale, devono possedere caratteristiche di stabilità nei distretti antecedenti il colon per cui è stata valutata una loro eventuale degradazione nel succo gastrico artificiale pH 1.5 e nel succo pancreatico artificiale pH 6.8. I due coniugati sono risultati essere perfettamente stabili in quest’ultimo ambiente mentre in succo gastrico si idrolizza rapidamente il prodotto ottenuto con acido salicilico solubilizzato in DMF. Allo scopo di trovare le condizioni migliori per la sua somministrazione sono seguiti degli studi di tale coniugato in succo gastrico artificiale tamponato a valori di pH maggiori per simulare l’ambiente gastrico durante i pasti. Tutti i coniugati polimerici di mesalazina ottenuti sono stati anche oggetti di studio ex vivo cioè sulla sospensione di contenuto colico di ratto per evidenziare l’effettivo rilascio operato dalle azoreduttasi. Vista la rapidità con la quale il prodotto ottenuto nelle classiche condizioni di diazotazione (ambiente acquoso) rilascia il farmaco sono seguiti degli studi per ottenere un rilascio prolungato nel tempo; è nato così il mPEG 2 -piperazina-PABA-NN-SA: il PEG ramificato crea un ingombro sterico al legame diazo rallentando il processo di riduzione. I buoni risultati ottenuti con questa tecnica di coniugazione che si basa sulla formazione del legame diazo fra polimero e farmaco hanno spinto alla sua applicazione su un altro principio attivo destinato ad agire nel colon come il derivato di semisintesi della camptotecina, l’SN38. Come nei precedenti casi si è proceduti alla purificazione del prodotto e sua caratterizzazione completa degli studi in vitro ed ex vivo. 6

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

azoreduttasi
colite ulcerosa
colon
coniugati polimerici
coniugazione
diazotazione
mesalazina
peg
profarmaci
profarmaci polimerici
rilascio modificato
sindrome di chron

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi