Skip to content

Dresda: distruzione e ricostruzione

Informazioni tesi

  Autore: Giuliana Pallotta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Leonardo Rapone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 197

La prima volta in cui sono stata a Dresda è stata nell’agosto 1999, quando ho frequentato un corso di tedesco della durata di un mese presso la Technische Universität Dresden. Prima di allora, non ricordo di aver mai sentito parlare di Dresda; o almeno se ciò accadde, il nome non mi restò impresso. Noi studenti stranieri fummo portati a fare una visita guidata per la città e vidi un centro storico dalla bellezza impressionante. In quel momento, nei giardini della Brühlsche Terrasse, a pochi metri dallo scorcio di Canaletto, erano in corso dei lavori. Giunti al castello reale potei notare che, mentre il suo aspetto esteriore era integro, un cortile interno era, al contrario, fatiscente e recava i segni di una violenta distruzione. La guida, un’insegnante di Dresda, ci raccontò del bombardamento aereo che devastò il centro completamente, ma anche altre zone della città; ci disse, inoltre, che tutto quello che stavamo guardando era stato ricostruito. Avevo sentito dire, poco prima di partire per Dresda, che la città era stata distrutta durante la seconda guerra mondiale, ma questo non mi colpì come un fatto eclatante; del resto sapevo che molte città tedesche avevano subito questa sorte, ma fino ad allora avevo assorbito l’argomento come un avvenimento “normale”: la Germania aveva attaccato e, a sua volta, era stata attaccata. Ciò che mi colpì la prima volta a Dresda fu, accanto alla straordinaria bellezza dei monumenti e dei palazzi del centro, il fatto che fossero stati distrutti durante una serie di massicci attacchi aerei, ma soprattutto che nel 1999, anno della mia prima visita, fossero ancora in fase di ricostruzione e molti ancora da ricostruire! In ultimo, non riuscivo a spiegarmi perché non avessi mai sentito parlare di questo terribile bombardamento, che aveva distrutto quasi completamente la città e provocato migliaia di vittime. Solo in seguito seppi che si trattò anche di uno dei casi più controversi della storia, e ancora di più non riuscii a capire come mai non ne avessi mai sentito parlare alla televisione o sulla stampa o a scuola. Da quel momento, ho deciso di saperne di più, ancora prima di scegliere la distruzione di Dresda e la sua ricostruzione come argomento per la tesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I La distruzione di Dresda 2 1.1 Le premesse Tra il 1943 e il 1944 le sorti della Germania nazista si rovesciarono inesorabilmente su tutti i fronti: le vittorie schiaccianti ottenute dall’Armata rossa sul fronte orientale nonché l’imponenza del contributo di potenziale umano ed economico degli Stati Uniti, chiusero in una morsa le truppe tedesche, le quali, tuttavia, continuarono a lottare fino all’ultimo uomo nella “guerra totale” voluta dal Führer. Il dilagare quasi inarrestabile dell’esercito tedesco in Europa, che aveva raggiunto il suo apice nella primavera-estate del 1942, aveva costretto la Gran Bretagna e gli Stati Uniti ad allearsi con l’Unione Sovietica e a trovare con quest’ultima un accordo politico che si traducesse in una graduale sincronizzazione delle operazioni militari contro il nemico comune. Nel gennaio del 1943 nel corso della Conferenza di Casablanca gli anglo- americani decretarono il principio della resa incondizionata da imporre ai tedeschi. Tale posizione serviva a confermare l’impegno degli anglo-americani nei confronti del diffidente alleato sovietico; 1 ma, soprattutto, stabiliva la volontà degli Alleati di non scendere a patti con il regime nazista e con nessuno dei suoi esponenti e di estirpare il nazismo definitivamente. 2 L’Unione Sovietica fu protagonista incontrastata della controffensiva sul suo 1 A. Giardina, G. Sabbatucci, V. Vidotto, Guida alla Storia, Roma/Bari, Laterza, nuova ed., 2001, (Roma/Bari, 1995), p. 189. 2 Enzo Collotti, La Germania nazista. Dalla Repubblica di Weimar al crollo del Reich hitleriano, Torino, Einaudi, 4ª ed., 1962, p. 306.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

13 febbraio 1945
alleati
attacchi aerei
bombardamenti
bombardamenti a tappeto
bombardamenti angloamericani
ddr
distruzione
dresda
dresden
frauenkirche
garmania est
germania
repubblica democratica tedesca
ricostruzione
seconda guerra mondiale
terzo reich
wiederaufbau

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi