Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro di Moni Ovadia

L'analisi delle opere teatrali più significative di Ovadia permette, da una parte, di esplorare la sua cultura, quella ebraica, ed, in particolare, quella yiddish nei suoi vari aspetti: la lingua yiddish, l'identità, l'umorismo, la memoria, l'esilio, i valori dell'uomo dello shtetl. Si sofferma, dall'altra, su due chiavi stilistiche basilari della sua forma teatrale: la musica klezmer e il canto di Ovadia. In ultimo viene approfondito l'elemento stilistico del racconto che lo avvicina ai narratori degli anni '90.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo II Cultura ebraica e mondo yiddish 2. L’identità ebraica L’identità dell’ebreo orientale si aggrappa, oltre ad una lingua, ad una patria, che è solo interiore, e ad un libro, la Torah, che costituisce il più grande valore assieme all’amore per lo studio. Questa identità in Oylem Goylem appare ricomposta riunendo in un disegno coerente le tracce affettive, culturali e linguistiche di un popolo: A me, in quanto ebreo, hanno spesso chiesto anzi, “sono stato richiesto” di spiegare che cosa significhi essere ebreo, che cosa sia in realtà un ebreo. Durante mesi di notti insonni ho tormentato la mia mente, il mio cuore, la mia anima e ho distillato una dolente risposta che vi propongo: “Boh?!”. Gli ebrei sono un popolo di schiavi liberati. Formano la loro identità nello spazio-tempo del deserto, un luogo senza confini, dove il tempo si dilata fino a diventare una dimensione, uno spazio, mentre la dimensione “spazio” è difficile e non favorevole alla sedentarietà.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Romina Arata Contatta »

Composta da 411 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1001 click dal 23/05/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.