Skip to content

Lo humour nella pubblicità inglese. Analisi semiotica degli spot Guinness, Timex e Daz

Informazioni tesi

  Autore: Katia Aresu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Giuseppina Bonerba
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 183

Il presente lavoro si pone l’obiettivo di fornire una ricerca centrata sullo humour, che ricopre un ruolo sicuramente non marginale nelle pubblicità inglesi, coinvolge il consumatore in maniera divertente impegnandolo alla co-produzione del senso del messaggio e perciò è stato utilizzato del materiale reperito per la maggior parte in Gran Bretagna. In Italia molti degli spot seguono lo stile pubblicitario anglosassone.
Inizialmente si traccerà un generale profilo storico, riportando anche alcuni casi concreti e importanti di pubblicità create nel corso dei secoli. Ad esempio il primo annuncio stampa della Pears soap permise, attraverso quadri famosi come “Bubbles”, di far conoscere l’arte alla gente e attraverso rebus stuzzicava l’attenzione da parte del lettore.
Nel secondo capitolo si approfondirà l’oggetto principale del presente lavoro: lo humour. Daremo delle informazioni generali coprendo diversi aspetti: le sue funzioni, l’apprendimento, l’efficacia, come si relaziona con lo spettatore, cosa suscita, la sua personalità, gli elementi che utilizza quali l’ironia, la pa-rodia, i puns (giochi di parole) e i wit (l’umorismo intelligen-te) e analizzeremo per ognuna di esse dei casi specifici.
Giungeremo alla conclusione che lo humour è una potente arma, ha una personalità a due facce, con aspetti positivi e negativi, come Dr. Jeklly e Mr Hyde.
Il terzo capitolo spiegherà teorie e concetti dell’analisi semio-tica che saranno applicate alle pubblicità Guinness (cap.IV), Daz (cap.V) e Timex (cap.VI).
La Guinness attraverso la personificazione di simpatiche chiocciole creerà una situazione divertente, (la Guinness infatti ha sempre adottato lo humour nelle sue pubblicità e ne ha fatto il suo elemento identificativo); la Daz (che fa parte di un serial ) darà origine ad una situazione ambigua, piena di sorprese e ironia, e infine la Timex che attraverso poche immagini riuscirà a fornire gli elementi giusti per far divertire e stuzzicare lo spet-tatore-consumatore.
Seguirà il capitolo su l’agenzia Ogilvy & Mather, fondata dal noto pubblicitario Ogilvy, che ha creato lo spot Timex.
Infine l’ottavo capitolo tratterà di Bernbach, pubblicitario scet-tico nei confronti dei risultati sulle ricerche e sulle indagini di mercato considerate d’ostacolo per la creatività. Affermava che il successo di una campagna risiedeva nell’originalità e nel privilegiare una comunicazione fantasiosa caratterizzata dall’uso dello humour.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In Italia, come afferma un noto copywriter italiano Emanuele Pirella 1 , da un po’ di tempo assistiamo a una sorta di invasione nel campo pubblicitario britannico di colori spenti e cupi, un po’ di dramma e un po’ di ironia. Una recente indagine di mercato condotta dal Giampaolo Fabris, presidente della GPF&A 2 , mette in luce che, mentre 25 anni fa temevamo la pubblicità, oggi l’accettiamo a patto che faccia sognare, giocare e divertire, ed è per tale motivo che si preferisce l’originalità, l’ironia e l’umorismo, caratteristiche presenti nelle pubblicità britanniche. Gli inglesi preferiscono l’ironia, spingono l’acceleratore sul- l’impatto, la simpatia, la risata. Tutto ciò configura un proprio stile che lo contraddistingue dagli altri. Piace l’arguzia, l’originalità, il fascino delle immagini e degli ambienti, piace la seduzione visiva, l’abilità di emozionare e la colonna sonora divertente. Come asserisce la psicologa Gianna Schelotto, i pubblicitari devono saper cogliere le emozioni di cui abbiamo bisogno. Gli spot devono essere seduttivi e capaci di cullare e portare gli spettatori in un grande sogno. 3 Il presente lavoro si pone l’obiettivo di fornire una ricerca centrata sullo humour, che ricopre un ruolo sicuramente non marginale nelle pubblicità inglesi, coinvolge il consumatore in maniera divertente impegnandolo alla co-produzione del senso 1 www.brandforum.it/pirella.html 2 Fondata dal prof. Giampaolo Fabris nel 1982, GPF & Associati è una società di ricerca e consulenza che opera in Italia e nei principali paesi europei nel settore dell'analisi del mutamento sociale, della consulenza strategica, del marketing e della comunicazione. 3 www.espressonline.it (articolo tratto da Ambra Somaschi) 9

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi semiotica
analisi spot daz
analisi spot guinness
analisi spot timex
bernabach
breve introduzione storia della pubblicità inglese
greimas
humour pubblicità inglese
ogilvy
ogilvy & mother
pubblicità bubbles
spot inglesi
tipi di humour in pubblicità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi