Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo humour nella pubblicità inglese. Analisi semiotica degli spot Guinness, Timex e Daz

Il presente lavoro si pone l’obiettivo di fornire una ricerca centrata sullo humour, che ricopre un ruolo sicuramente non marginale nelle pubblicità inglesi, coinvolge il consumatore in maniera divertente impegnandolo alla co-produzione del senso del messaggio e perciò è stato utilizzato del materiale reperito per la maggior parte in Gran Bretagna. In Italia molti degli spot seguono lo stile pubblicitario anglosassone.
Inizialmente si traccerà un generale profilo storico, riportando anche alcuni casi concreti e importanti di pubblicità create nel corso dei secoli. Ad esempio il primo annuncio stampa della Pears soap permise, attraverso quadri famosi come “Bubbles”, di far conoscere l’arte alla gente e attraverso rebus stuzzicava l’attenzione da parte del lettore.
Nel secondo capitolo si approfondirà l’oggetto principale del presente lavoro: lo humour. Daremo delle informazioni generali coprendo diversi aspetti: le sue funzioni, l’apprendimento, l’efficacia, come si relaziona con lo spettatore, cosa suscita, la sua personalità, gli elementi che utilizza quali l’ironia, la pa-rodia, i puns (giochi di parole) e i wit (l’umorismo intelligen-te) e analizzeremo per ognuna di esse dei casi specifici.
Giungeremo alla conclusione che lo humour è una potente arma, ha una personalità a due facce, con aspetti positivi e negativi, come Dr. Jeklly e Mr Hyde.
Il terzo capitolo spiegherà teorie e concetti dell’analisi semio-tica che saranno applicate alle pubblicità Guinness (cap.IV), Daz (cap.V) e Timex (cap.VI).
La Guinness attraverso la personificazione di simpatiche chiocciole creerà una situazione divertente, (la Guinness infatti ha sempre adottato lo humour nelle sue pubblicità e ne ha fatto il suo elemento identificativo); la Daz (che fa parte di un serial ) darà origine ad una situazione ambigua, piena di sorprese e ironia, e infine la Timex che attraverso poche immagini riuscirà a fornire gli elementi giusti per far divertire e stuzzicare lo spet-tatore-consumatore.
Seguirà il capitolo su l’agenzia Ogilvy & Mather, fondata dal noto pubblicitario Ogilvy, che ha creato lo spot Timex.
Infine l’ottavo capitolo tratterà di Bernbach, pubblicitario scet-tico nei confronti dei risultati sulle ricerche e sulle indagini di mercato considerate d’ostacolo per la creatività. Affermava che il successo di una campagna risiedeva nell’originalità e nel privilegiare una comunicazione fantasiosa caratterizzata dall’uso dello humour.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In Italia, come afferma un noto copywriter italiano Emanuele Pirella 1 , da un po’ di tempo assistiamo a una sorta di invasione nel campo pubblicitario britannico di colori spenti e cupi, un po’ di dramma e un po’ di ironia. Una recente indagine di mercato condotta dal Giampaolo Fabris, presidente della GPF&A 2 , mette in luce che, mentre 25 anni fa temevamo la pubblicità, oggi l’accettiamo a patto che faccia sognare, giocare e divertire, ed è per tale motivo che si preferisce l’originalità, l’ironia e l’umorismo, caratteristiche presenti nelle pubblicità britanniche. Gli inglesi preferiscono l’ironia, spingono l’acceleratore sul- l’impatto, la simpatia, la risata. Tutto ciò configura un proprio stile che lo contraddistingue dagli altri. Piace l’arguzia, l’originalità, il fascino delle immagini e degli ambienti, piace la seduzione visiva, l’abilità di emozionare e la colonna sonora divertente. Come asserisce la psicologa Gianna Schelotto, i pubblicitari devono saper cogliere le emozioni di cui abbiamo bisogno. Gli spot devono essere seduttivi e capaci di cullare e portare gli spettatori in un grande sogno. 3 Il presente lavoro si pone l’obiettivo di fornire una ricerca centrata sullo humour, che ricopre un ruolo sicuramente non marginale nelle pubblicità inglesi, coinvolge il consumatore in maniera divertente impegnandolo alla co-produzione del senso 1 www.brandforum.it/pirella.html 2 Fondata dal prof. Giampaolo Fabris nel 1982, GPF & Associati è una società di ricerca e consulenza che opera in Italia e nei principali paesi europei nel settore dell'analisi del mutamento sociale, della consulenza strategica, del marketing e della comunicazione. 3 www.espressonline.it (articolo tratto da Ambra Somaschi) 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Katia Aresu Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9895 click dal 10/05/2007.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.