Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi competitiva e strategie di posizionamento: il caso della stampa periodica

La tesi prende ad oggetto l’analisi dell’ambiente e la definizione delle strategie competitive dell’impresa.
In particolare l’obiettivo del lavoro è applicare questi strumenti di analisi strategica al settore dei periodici evidenziando, in particolare, le strategie di posizionamento che le imprese editoriali perseguono all’interno dei vari segmenti che compongono il mercato dei periodici.
Nella fase iniziale della tesi si è definito l’ambiente che circonda l’impresa identificando l’ambito competitivo nel quale essa è inserita. Nel fare ciò si è fatto riferimento ad un importante contributo in materia di strategie d’impresa offerto da Porter il quale sostiene che, dall’analisi dell’ambiente competitivo l’impresa acquisisce la base conoscitiva necessaria per individuare le opportunità che, in base al proprio patrimonio di risorse e competenze, le consentono di ottenere un vantaggio competitivo. Quindi essenziale ai fini della formulazione di una strategia competitiva è l’analisi della struttura del settore: la conoscenza delle cinque forze competitive individuate da Porter fa emergere le minacce da neutralizzare e le opportunità da ricercare nell’ambiente.
Nel secondo capitolo si spiega in cosa consiste il vantaggio competitivo attraverso un concetto introdotto sempre da Porter, ossia il valore. Esso è inteso come il valore creato dall’impresa per i suoi clienti al netto dei costi sostenuti per crearlo. Per spiegare i fattori attraverso cui è possibile creare valore, Porter introduce la catena del valore in base alla quale l’impresa viene scomposta in diverse attività di rilevanza strategica, ognuna delle quali contribuisce alla creazione del valore.
A conclusione del capitolo vengono definite tre strategie competitive mediante le quali un’impresa può tentare di raggiungere un vantaggio sulla concorrenza:


1. la leadership di costo;
2. la differenziazione;
3. la focalizzazione.


Il terzo capitolo inizia con una panoramica del settore editoriale concentrandosi soprattutto sulla filiera che la caratterizza e gli attori che ne fanno parte. Susseguentemente si scende più in dettaglio nella dimensione della stampa periodica: per primo punto viene offerta una visione della situazione attuale in Italia molto carente in termini di diffusioni rispetto alle altre nazioni del Vecchio Continente, nonostante la ripresa mostrata negli ultimi anni (infatti i periodici addirittura hanno fatto registrare sul piano diffusionale i risultati migliori tra i mezzi stampati). Di seguito viene posta enfasi sulla forte segmentazione che caratterizza il mercato dei periodici e le strategie di posizionamento perseguite dalle case editrici all’interno dei vari segmenti.
Inoltre è rilevante constatare che la competizione per le case editrici non si limita alle imprese incluse nello stesso settore, ma coinvolge anche quelle aziende appartenenti al mondo della comunicazione che producono beni o servizi in grado di soddisfare gli stessi bisogni nel cliente finale, indipendentemente dal supporto attraverso cui sono veicolate le informazioni. Pertanto l’impresa editrice tende sempre più ad assumere la fisionomia di una multiple-media-company.
Il lavoro è concluso, alla luce del nuovo quadro competitivo delineatosi con l’introduzione delle nuove tecnologie, con un approfondimento in merito alle strategie perseguite dalle aziende editoriali che si riconducono a tre modelli di fondo:

• integrazione multimediale;
• specializzazione selettiva;
• interazione con la domanda.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’obiettivo del presente lavoro consiste nell’applicare gli strumenti di analisi competitiva al settore della stampa periodica, verificando il posizionamento competitivo delle case editrici di periodici e quali strategie queste adottano per fronteggiare la concorrenza. La tesi si articola in tre capitoli. Nel primo capitolo si pone il problema del rapporto tra impresa ed ambiente esterno che lo circonda in quanto i fattori fondamentali che lo caratterizzano ne possano determinare il successo o l’insuccesso e devono, pertanto, essere attentamente considerati ai fini della scelta delle strategie più convenienti. Il riferimento concettuale è rappresentato dall’opera di M. Porter. Il punto di partenza dell’insegnamento di Porter è che la strategia competitiva deve collegare l’impresa al proprio ambiente di riferimento. Quindi la base fondamentale per la formulazione di una strategia competitiva è l’analisi della struttura del settore: la conoscenza delle forze competitive chiarisce gli eventuali punti di forza e di debolezza dell’impresa, fa emergere le minacce e le opportunità ambientali, evidenzia i potenziali percorsi di sviluppo aziendali.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Raffaele Mogavero Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4752 click dal 14/05/2007.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.