Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Io fuori da loro. Un modello di cambiamento

L’argomento della tesi riguarda essenzialmente l’applicazione del Paradigma Narrativistico al caso di un’utente che a causa di diagnosi, definizioni e categorizzazioni era stata “imbrigliata” nello status di “ragazza incapace che non ci arriva” al quale lei stessa si era, col tempo adeguata assolvendo a quel ruolo che le era stato attribuito.
Nel primo capitolo affronto i requisiti teorici del paradigma narrativistico, ponendo l’accento sul contrasto fra personalità e identità dialogica. La prima tende a catalogare l’individuo in precise definizioni, inscrivendo i comportamenti in un meccanismo predittivo secondo cui stabilendo il tipo di personalità si può prevedere gli effetti sul comportamento. Mentre la seconda riguarda i processi discorsivi, che sono l’oggetto di conoscenza del paradigma, messi in atto nelle interazioni con le persone e che si muovono in termini di casualità alla quale è impossibile applicare il principio meccanicistico di causa-effetto, in quanto la produzione di discorsi possibili è infinita. Successivamente introduco il concetto di identità tipizzata nei cui confronti l’operatore, inserito nel paradigma narrativistico, si rivolge apportando cambiamento nei repertori discorsivi in modo da incrinare la coerenza che mantiene la tipizzazione creando realtà altre.
Nel secondo capitolo descrivo la base teorica a cui fa riferimento il Paradigma Narrativistico e gli assunti fondamentali su cui poggia, oltre alla teoria pura, anche il lavoro degli operatori.
Il capitolo terzo introduce semplicemente il caso che ho portato come esemplificativo e la parte principale della tesi è riservata al capitolo quattro, dove descrivo concretamente le fasi dell’intervento accennate nel capitolo precedente. In questa parte inserisco degli stralci di resoconti sia a scopo dimostrativo del lavoro svolto e delle strategie attuate, sia perché si rende così più evidente il cambiamento dalla posizione dei repertori di incapacità ai repertori di studente di successo.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Durante il tirocinio ha avuto la fortuna di conoscere una casa famiglia in cui gli operatori utilizzavano il Paradigma Narrativistico. Ad uno degli utenti era stato diagnosticato un ritardo cognitivo, una dislessia “seppur lieve” e come problematica correlata, era stata segnalata anche la goffaggine. Affrontando la psicologia svincolata da definizioni e diagnosi che appiattiscono l’esperienza umana rendendola per tutti uguale, mi sono interessata all’aspetto del cambiamento piuttosto che alla guarigione e alle potenzialità endogene delle persone piuttosto che a palliativi esterni. Avvicinandomi con pacatezza al panorama dell’informazione italiana accessibile al grande pubblico, in cui si affronta l’argomento della psicologia infantile, si legge troppo spesso di bambini che hanno problemi sociali, psicologici, comportamentali. I discorsi che emergono riguardano purtroppo numeri e percentuali allarmanti sulle patologie che affliggono l’infanzia italiana e da cui possiamo difenderci solo con la cura. Il fatto che questo sia vero oppure non lo sia, non ha grande importanza dal momento che è sufficiente parlare di qualcosa per renderla reale. Il peggio è che queste “diagnosi” rimandano ogni soluzione alla medicalizzazione. Spesso non necessaria. L’obiettivo della tesi è dunque quello di dimostrare, grazie all’analisi di un caso, che non è del tutto necessario ricorrere a delle cure mediche e che più spesso si può modificare la carriera di un individuo spostandola da “utente dei servizi socio sanitari”, a individuo slegato dalle istituzioni “solamente” cambiando le auto ed etero-attribizioni La scelta del titolo si esprime proprio in questi termini: Io Fuori da Loro condensa in quattro parole il lavoro che l’equipe ha attuato nel perseguire l’obiettivo generale della deistituzionalizzazione nei confronti dell’utente, e l’utente stesso nel

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Cecilia Galligani Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 759 click dal 23/05/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.