Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili di rendimento - rischio per stili d'investimento azionario: value e growth stocks

L'obiettivo del mio lavoro è stato quello di verificare la superiorità di performance raggiunta, mediamente, dai titoli value, rispetto a quelli growth, e discutere le due fondamentali teorie proposte per la spiegazione del fenomeno: la teoria dei mercati efficienti, secondo la quale il value premium è dovuto alla maggior rischiosità dei titoli value, e la teoria comportamentale, che individua la causa nell’eccessivo ottimismo (pessimismo) degli investitori verso i titoli growth (value), proveniente da tendenze estrapolative, e nei problemi d’agenzia degli investitori istituzionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
Profili di rendimento – rischio per stili d’investimento azionario: value e growth stocks 1 INTRODUZIONE Da quando Basu, nel 1977, ha scoperto che i titoli value (caratterizzati da alti valori di earnings-to-price) tendono ad ottenere maggiori rendimenti medi rispetto ai titoli growth (bassi earnings-to-price), è iniziata una grande opera di ricerca che ha sempre confermato l’esistenza di un value premium. Nel 1991 Chan, Hamao e Lakonishok riscontrarono l’esistenza del value premium anche nel mercato dei capitali giapponese. In modo analogo, gli studi di Fama e French (1992, 1993, 1996, 1998, 2004, 2006), di Lakonishok, Shleifer e Vishny (1994) e di Chan e Lakonishok (2004) hanno prodotto risultati simili, sia sul mercato statunitense sia a livello globale, e con l’utilizzo non solo del price-to-earnings, ma anche delle variabili price-book value e dividend yield, quali indicatori di classificazione dei titoli value e growth. Ne deriva che, ancora oggi, nell’ambiente accademico è aperto il dibattito su quale sia la ragione sottostante la superiorità di rendimento dei titoli value. I sostenitori della teoria dei mercati efficienti, primi tra tutti Fama e French, collegano il value premium alla maggior rischiosità dei titoli value; contrari sono invece coloro che identificano la causa del value premium nei sistematici errori commessi dagli investitori e nei problemi d’agenzia degli investitori istituzionali (La Porta, Lakonishok, Shleifer e Vishny, 1997, Chan e Lakonishok, 2004). Doukas, Kim e Pantzalis (2002, 2004) smentiscono la teoria secondo la quale la superiorità delle strategie value è la conseguenza dell’eccessivo ottimismo riposto sulle previsioni degli utili, fatte dagli analisti finanziari; essi sostengono quindi la teoria basata sul rischio, secondo la quale gli alti profitti dei titoli value riflettono la compensazione di un maggior rischio, e individuano nella deviazione standard delle previsioni degli analisti (dispersione delle previsioni) un’importante misura del rischio sopportato dagli investitori. Tuttavia, l’andamento dei rendimenti degli stili d’investimento value e growth si è invertito nel corso degli anni ’90, registrando value premium negativi: un’attenta analisi di Chan, Karceski e Lakonishok (2000) ha rintracciato nella teoria comportamentale l’unica spiegazione possibile all’eccezione dell’effetto value.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Gloria Mauro Contatta »

Composta da 164 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3105 click dal 24/05/2007.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.