Skip to content

Mass Media e Influenza Aviaria - Ci siamo proprio cascati come polli

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Galli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Cristina Meini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

Mass media e influenza aviaria. Ci siamo cascati come dei polli, è proprio il caso di dirlo.
Telegiornali e quotidiani, periodici e servizi speciali hanno posto per un bel po’ di tempo l’attenzione sull’influenza aviaria. Alcuni hanno creato lo spauracchio aviaria, diffondendo allarmismi esagerati e senza un reale fondamento; dall’altro lato si è cercato, invece, di minimizzare la questione facendo perdere di vista un pericolo possibile. Sbagliando da entrambe le parti: chi ne ha parlato troppo e chi poco, chi ha diffuso panico e terrore e chi ha ridotto il problema a evento mediatico senza basi scientifiche.
La prima parte di questa tesina affronta il tema della comunicazione persuasiva, attraverso la quale i mass media orientano le opinioni e gli atteggiamenti della collettività. Ciò si è verificato in larga misura riguardo al tema dell’influenza aviaria: le nostre opinioni in proposito sono state sapientemente plasmate e guidate in direzioni non sempre corrette e veritiere.
La seconda parte della tesina è centrata sul tema dell’influenza aviaria.
L’argomento viene analizzato innanzitutto da un punto di vista scientifico: vengono brevemente passati in rassegna i veicoli di trasmissione, i sintomi, il pericolo di pandemia e i modi con cui difendersi dalla malattia.
L’analisi assume poi un punto di vista storico. L’influenza aviaria non è, infatti, una novità degli ultimi anni come il clamore suscitato dalle notizie potrebbe aver fatto pensare; vengono elencate le tappe della diffusione di questo tipo di influenza e viene spiegato come le istituzioni hanno risposto al problema in atto.
Viene poi esposto il trattamento subito dall’evento mediatico aviaria nei vari mass media. Il virus H5N1 ha occupato le prime pagine della maggior parte dei quotidiani e i titoli dei telegiornali per qualche mese, a partire dalla seconda conferenza europea sull’influenza, tenutasi a San Giuliano di Malta il 12 settembre 2005. In un incontro tenuto durante la conferenza vennero diffusi comunicati stampa allarmanti, a cui fecero seguito i toni drammatici di stampa e tv. Dopo un primo periodo di pollofobia, i mass media seguirono una duplice strada – da un lato ancora toni da emergenza mondiale, dall’altro tentativi di rassicurazione – generando una confusione tale da non riuscire più a capire quali informazioni fossero vere e fondate.
Per verificare personalmente come il trattamento delle notizie possa influire sulla percezione dei fatti da parte delle persone, ho ideato un questionario, o, per meglio dire, un duplice questionario. Infatti, prendendo per campione due gruppi eterogenei di persone, ho loro sottoposto due questionari in tutto uguali tranne che per i testi in essi introdotti: in quello che verrà per comodità definito Questionario n°1 erano riportati articoli e titoli che assumevano una posizione nettamente catastrofica nei confronti dell’influenza aviaria, facendola sembrare il male che avrebbe sterminato l’umanità. Nel Questionario n°2 erano invece inseriti articoli che invitavano alla calma e che trattavano l’influenza aviaria come un banale raffreddore stagionale facilmente curabile.
...
È sbalorditivo constatare tutto ciò che può celarsi dietro alla diffusione di una notizia. È sconcertante prendere atto di politici che lucrano su dei vaccini generando una psicosi ingiustificata nella cittadinanza. È triste notare che le persone siano così poco e così male informate. È avvilente osservare che non si possono prendere per vere le notizie così come vengono date. È forse troppo ottimista sperare che la situazione possa cambiare. Uno apre il giornale e crede che ciò che c’è scritto, più o meno mediato dalla corrente politica seguita dalla redazione, sia vero. Uno ascolta il tg e crede a ciò che sente. Ma se non ci si può più fidare di chi dovrebbe diffondere le notizie dopo averle attentamente verificate e vagliate, come si può rimanere informati?
Orson Welles nel 1941 aveva parlato e mostrato al mondo il Quarto potere, quello della stampa. Ora questo potere si è ulteriormente esteso: alla televisione, a internet. Oggi si deve parlare di potere dell’informazione, un potere che va ben oltre ciò che si può immaginare. Non sono solo il numero di copie vendute o il numero di telespettatori a interessare i burattinai che muovono i fili di questo gigantesco teatro; il sensazionalismo giornalistico serve anche interessi politici ed economici. Il lettore/spettatore deve quindi prestare molta attenzione al modo in cui recepire le notizie, deve essere capace di distinguere tra vera e propria informazione e parole fuorvianti che mirano a deviare dalla corretta interpretazione dei fatti per diffondere allarmismi e paure al servizio di un qualche interesse che col corretto giornalismo ha ben poco da spartire.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSIT DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE AMEDEO AVOGADRO Facolt di Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione MASS MEDIA E INFLUENZA AVIARIA Ci siamo proprio cascati come polli Relatrice: Prof.ssa Cristina MEINI Tesi di Laurea di: Valentina GALLI Matricola n 10009427 Anno Accademico 2005-2006

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi