Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Utilizzo di zeoliti per l'adsorbimento e la degradazione di antibiotici (sulfamidici) finalizzato al trattamento delle acque

Consiste nella sperimentazione di due famiglie di zeoliti, idrofobiche ed idrofiliche entrambe prese nella forma Mordenite e zeolite Y ,che hanno subito scambi con metalli di transizione (Fe Co Cu), per osservare se queste sono in grado ,messe a contatto con antibiotici, sulfamidici ,di adsorbirli al'interno della loro struttura cristallina o addirittura sviluppare preocessi di degradazione, comportando la formazione di prodotti di degradazione dei sulfamidici meno tossici per l'ambiente e l'uomo.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In campo scientifico si rende sempre più necessaria una ricerca legata alle problematiche ambientali che si sono fatte più imponenti e preoccupanti negli ultimi decenni. Proprio la sensibilità verso l’ambiente è il motore per lo sviluppo in senso tecnologico di materiali e strumentazioni sempre più “pulite” per migliorare la qualità dell’aria, diminuire o eliminare l’inquinamento delle acque e dei suoli. L’inquinamento del suolo è determinato in molti casi dall’utilizzo di fertilizzanti chimici o naturali spesso ricavati dai reflui zootecnici, Questi depositati su suolo agricolo risultano essere i principali veicoli di antibiotici usati in campo veterinario. Le categorie di antibiotici ritrovati sono molteplici, ma la classe dei sulfamidici è quella con la percentuale più alta, essi infatti sono utilizzati negli allevamenti animali come antiparassitari e promotori della crescita. La loro presenza, con concentrazioni talvolta superiori ai limiti legislativi, in diversi ambienti, quali suoli, sistemi acquatici come fiumi e laghi e falde acquifere è stata rilevata in molti paesi sia europei (Inghilterra, Germania e Svizzera) che extracomunitari come Stati Uniti e Canada. Ciò ha destato tanto scalpore e preoccupazione da finalizzare parte della ricerca a studi per evitare la crescita del fenomeno. Il lavoro qui di seguito esposto si propone come obbiettivo proprio quello di sostenere lo sviluppo di una metodologia sperimentale contro l’inquinamento antibiotico dei reflui zootecnici, utilizzando degli importanti catalizzatori come i materiali zeolitici. L’interesse e quindi la scelta di questi particolari minerali silicatici, deriva dalle loro peculiari proprietà fisiche: • porosità strutturale • capacità di disidratazione reversibile • capacità di scambio cationico. 1

Laurea liv.I

Facoltà: scianze geologiche

Autore: Lara Gigli Contatta »

Composta da 96 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2137 click dal 25/05/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.