Skip to content

Un nuovo metodo per la stima degli impairment dei modulatori OFDM basato sul filtraggio di Kalman

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore Basile
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle Telecomunicazioni
  Relatore: Rosario Lo Moriello Schiano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 256

Per favorire il successo delle nuove tecnologie, è determinante fornire un livello di qualità del servizio che soddisfi i potenziali utenti o quantomeno risulti accettabile. Da qui si evince l’importanza di disporre di adeguate procedure di analisi, che consentano di provvedere al testing di apparati e sistemi garantendo un ridotto time to market, fattore cruciale di un mercato sempre più competitivo. Nasce quindi il bisogno di possedere sistemi sul controllo della qualità di dispositivi come i modulatori, in particolare quelli che realizzano la modulazione OFDM, modulatori ormai di ampio impiego, e quindi realizzati attraverso veloci catene di montaggio, che necessitano un controllo della qualità che sia altrettanto veloce, ma nello stesso tempo affidabile.
Scopo di questo lavoro è stato progettare un metodo di stima degli impairment dei modulatori OFDM attraverso un algoritmo che implementi il filtro di Kalman, quest’ultimo, considerato uno dei più grandi risultati raggiunto nella teoria della stima nel ventesimo secolo. Il filtro di Kalman è una tecnica che permette di "correggere l’impatto degli errori” di misura sulla stima dello stato in sistemi anche molto complessi e sofisticati. Si supponga, infatti, di sapere come rappresentare le variabili misurabili in funzione delle variabili d’interesse. Il filtro di Kalman inverte questa relazione funzionale e stima le variabili indipendenti come funzione inversa delle variabili dipendenti (misurabili). In poche parole, dalle relazione che legano i simboli demodulati (misurati) affetti da impairment, con questi ultimi, è possibile risalire ad una stima di questi impairment visti dal filtro come variabili di stato.
I modulatori di ultima generazione sono naturalmente realizzati con largo impiego di dispositivi elettronici a semiconduttore, e quindi sono soggetti ad un comportamento che varia sensibilmente con le perturbazioni di tipo ambientale come ad esempio la temperatura. Di conseguenza è opportuno considerare che esista un comportamento variabile degli impairment introdotti da questi modulatori. Ma anche la presenza di drift sulla portante a RF può generare delle variazioni temporali che possono recare variazione dell’entità degli impairments.
Nasce l’esigenza, oltre che alla stima degli impairment, anche della velocità con cui il filtro segue queste variazioni.

L’obbiettivo di questo lavoro di tesi è stato diviso in quattro fasi:
• Descrizione degli impairments su modulazione OFDM (Capitolo 1)
• La progettazione e la realizzazione del filtro in ambiente MatLab (Capitolo 2).
• Simulazione di una trasmissione OFDM in ambiente MatLab, generando tre tipi di segnale OFDM che si diversificano nelle diverse modulazioni applicate alle sottoportanti, corrotti sia da rumore bianco e che da impairment volutamente introdotti, dapprima costanti, valutandone l’accuratezza di stima (Capitolo 3), poi introducendo delle diverse variazioni temporali, valutando conseguenti capacità d’inseguimento del filtro (Capitolo 4).
• Emulazione di una trasmissione OFDM in ambiente LabView, generando un segnale OFDM con portanti QAM attraverso un generatore vettoriale a RF, e rilevando e demodulando tale segnale attraverso un VSA, introducendo sia impairment costanti che variabili temporalmente, come visto per la simulazione (Capitolo 5).
Nelle ultime pagine di questo lavoro sono messi a disposizione quattro appendici:
A) La modulazione OFDM
In cui vengono affrontati i principi della modulazione OFDM passando dallo schema di principio del modulatore allo schema realizzativi tramite IFFT.
B) Realizzazione del metodo di misura.
In cui viene convertito in un programma in ambiente MatLab l’algoritmo del filtro di Kalman realizzato nel Capitolo 2. In più vengono formiti i listati dei vari programmi per il calcolo delle misure deterministiche.
C) Realizzazione dell’ambiente di simulazione.
L’insieme dei programmi che costituiscono la stazione di misura simulata in ambiente MatLab
D) Realizzazione dell’ambiente di emulazione.
La descrizione dello schema LabView e l’insieme dei programmi MatLab che realizzano la stazione di misura emulata.
Gli obbiettivi raggiunti sono l’enorme precisione e la rapidità di rilevazione, un’ottima capacità d’inseguimento delle variazioni temporali, che fanno pensare ad un futuro impiego di questo metodo come controllo della qualità sui modulatori OFDM.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 IMPAIRMENT NEI TRASMETTITORI OFDM 2 Le comunicazioni digitali hanno subito notevoli sviluppi a partire dall’ultima decade del secolo scorso a causa della crescente domanda di connettività wireless e di broadcasting video e audio. Come diretta conseguenza i gruppi R&S (Ricerca & Sviluppo), sono stati, e sono attualmente, spinti alla progettazione e realizzazione di componenti e sistemi caratterizzati da prestazioni sempre più elevate in termini di velocità di trasmissione ed efficienza in banda. Inoltre per favorire il successo delle nuove tecnologie, è determinante fornire un livello di qualità del servizio che soddisfi i potenziali utenti o quantomeno risulti accettabile; al contempo bisogna far fronte alle regole imposte dagli standard nazionali ed internazionali. Da qui si evince l’importanza di disporre di adeguate procedure di analisi, che consentano di provvedere al testing di apparati e sistemi garantendo un ridotto time to market, fattore cruciale di un mercato sempre più competitivo. Ogni sistema di “comunicazione digitale” è rappresentabile mediante il modello elementare introdotto da Shannon e Weaver. Una sorgente (F) di informazioni invia ad un destinatario (D) un messaggio (M); tale messaggio viene opportunamente trasformato da un trasmettitore (T) in un segnale (S) che, attraverso un canale (C), giunge ad un ricevitore (R) che lo riconverte in (M) prima di farlo giungere al destinatario. Figura 1.1: Modello elementare del processo di trasmissione. Il presente elaborato mira alla realizzazione di un algoritmo di stima e valutazione dei difetti I/Q di un trasmettitore digitale, la cui funzione specifica, all’interno del suddetto modello è di codificare il messaggio M per poi convertirlo in segnale S. Di seguito verrà presentata la struttura interna di tale apparato e si descriveranno i metodi di troubleshooting annoverati in letteratura. F M T S C S R M D

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

errori di modulazione
impairment
modulatori
ofdm
qualità
stima

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi