Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teoria del portafoglio finanziario: analisi media-varianza sotto l’ipotesi che la matrice delle covarianze non sia a rango pieno

Il problema della selezione del portafoglio è un tema che dal 1952, quando venne pubblicato l’articolo “Portfolio Selection” di Harry M. Markowitz sul Journal of Finance, ha visto concentrarsi gli sforzi di numerosi studiosi di economia. La questione cui Markowitz diede per la prima volta una risposta sistemica, e che nel 1990 gli valse il Premio Nobel per l’Economia, riguardava il problema della ripartizione di risorse finanziarie tra diverse possibilità di investimento con rendimento aleatorio, affrontate per mezzo di due criteri decisionali: il rischio e il rendimento. Tuttavia, la scelta di ridurre l’ambiente decisionale di un problema per la selezione di un portafoglio a questi due criteri fu mossa dall’inevitabile necessità di ridurre la complessità delle variabili a quelle strettamente funzionali. Lo stesso Markowitz, infatti, sostenne che una corretta scelta dei criteri decisionali dovrebbe avvenire sulla base delle necessità o preferenze espresse da ciascun investitore, “the investor should build toward an integrated portfolio which best suits his needs”.
Il modello di Markowitz, quindi, si presta ad ulteriori approfondimenti che riguardano da una parte l’opportunità di inserire ulteriori vincoli e limitazioni per avvicinare il modello di selezione del portafoglio al mondo reale, e dall’altra l’opportunità di inserire nel modello ulteriori criteri decisionali oltre a quelli già considerati.
Nel presente lavoro si approfondirà e si presenterà il modello media-varianza che per la sua importanza rappresenta ancora oggi la base della moderna teoria del portafoglio, per arrivare a considerare il caso particolare in cui il rango della matrice di varianze-covarianze non è completo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione Il problema della selezione del portafoglio e` un tema che dal 1952, quando venne pubblicato l’articolo “Portfolio Selection” di Harry M. Markowitz sul Journal of Finance, ha visto concentrarsi gli sforzi di numerosi studiosi di economia. La questione cui Markowitz diede per la prima volta una risposta sistemica, e che nel 1990 gli valse il Premio Nobel per l’Economia, riguarda- va il problema della ripartizione di risorse finanziarie tra diverse possibilita` di investimento con rendimento aleatorio, affrontate per mezzo di due criteri decisionali: il rischio e il rendimento. Tuttavia, la scelta di ridurre l’ambiente decisionale di un problema per la selezione di un portafoglio a questi due cri- teri fu mossa dall’inevitabile necessita` di ridurre la complessita` delle variabili a quelle strettamente funzionali. Lo stesso Markowitz, infatti, sostenne che una corretta scelta dei criteri decisionali dovrebbe avvenire sulla base delle necessita` o preferenze espresse da ciascun investitore, “the investor should build toward an integrated portfolio which best suits his needs”. Il modello di Markowitz, quindi, si presta ad ulteriori approfondimenti che riguardano da una parte l’opportunita` di inserire ulteriori vincoli e limita- zioni per avvicinare il modello di selezione del portafoglio al mondo reale, e dall’altra l’opportunita` di inserire nel modello ulteriori criteri decisionali oltre a quelli gia` considerati. Nel presente lavoro si approfondira` e si presentera` il modello media-varianza che per la sua importanza rappresenta ancora oggi la base della moderna teoria del portafoglio, per arrivare a considerare il caso particolare in cui il rango della matrice di varianze-covarianze non e` completo. iii

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Bettini Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6025 click dal 29/05/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.