Skip to content

L'evoluzione del concetto di causa

Informazioni tesi

  Autore: Marco Pugliese
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Professioni Legali - Indirizzo Giudiziario Forense
Anno: 2007
Docente/Relatore: Lucilla Ch.ma Prof.ssa GATT
Istituito da: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

La dissertazione che segue ha ad oggetto l’analisi dell’evoluzione del concetto di causa del negozio giuridico che si è avuta nel corso del tempo, con particolare riferimento ai recenti orientamenti della dottrina e della giurisprudenza in materia contrattuale.
Punto centrale della tematica è l’accoglimento da parte della Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 10490/06 dell’indirizzo interpretativo che concepisce la causa come la funzione economico individuale, superando apertamente la tradizionale impostazione, consacrata con l’entrata in vigore del Codice civile del ’42, che ne concepisce la nozione in termini di funzione economico sociale.
Il lavoro si articola in tre parti: la prima di carattere introduttivo, la seconda rivolta ad un’analisi più specifica delle problematiche sottese alle diverse impostazioni ermeneutiche sul concetto di causa seguite in giurisprudenza e la terza con ad oggetto un raffronto critico tra le diverse teorie.
Più nello specifico, nel primo capitolo verrà introdotto l’argomento dell’evoluzione del concetto di causa attraverso una panoramica generale, in termini anche di escursus storico, delle varie teorie che si sono avute, e si hanno tutt’ora, circa il significato da attribuire alla nozione dell’elemento causa (partendo da quelle atomistiche forgiate sotto il vigore del precedente codice civile e giungendo, passando per la teoria oggettiva della funzione economico – sociale, fino a quella più recente impostazione individualista cd. dello scopo pratico). Si cercherà di verificare le diverse impostazioni alla luce dei loro risvolti pratici, evidenziandone cioè i precipitati in tema di invalidità del contratto nelle varie ipotesi di nullità (per illiceità o per inesistenza della causa, per frode alla legge). Inoltre, sempre in questa prima parte, si darà contezza dei condizionamenti che le diverse teorie sulla causa hanno sul rilievo dei motivi nella dinamica contrattuale, dando quindi conto anche dell’istituto della presupposizione, nonché del problema della distinzione tra causa e tipo contrattuale.
Il secondo capitolo avrà, invece, ad oggetto un’analisi più approfondita dell’utilizzo che la giurisprudenza fa delle teorie elaborate in seno alla dottrina, mettendone in risalto il non sempre consapevole utilizzo. Si concentrerà l’attenzione poi alla pronuncia n. 10490/06 della Cassazione, mettendo in risalto le argomentazioni utilizzate dagli Ermellini per accogliere la nozione di causa intesa come ragione pratica del contratto e, soprattutto, per ritenere lucidamente superato l’orientamento di bettiana memoria che individuerebbe la causa nella funzione obbiettiva economico sociale del regolamento contrattuale. Si farà cenno ad altre decisioni, sempre recenti, con cui però la Suprema Corte non smentisce l’opzione ermeneutica tradizionale in tema di causa.
Nel terzo ed ultimo capitolo, infine, si cercherà di delineare un confronto tra le diverse soluzioni ermeneutiche proposte in tema di causa tentando di metterne in risalto i tratti comuni che, al di là delle formule “barocche” adoprate dagli autori e dal loro (molto spesso voluto) inconsapevole utilizzo da parte della giurisprudenza, in sostanza è dato riscontrare. Il tutto facendo cenno anche ai recenti progetti normativi che in ambito eurpeo (Principi Unidroit, PECL e Code Européen), tentano di forgiare un codice unico dei contratti, ed al ruolo che in essi è riservato alla causa quale elemento (non) essenziale del contratto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione. La dissertazione che segue ha ad oggetto l’analisi dell’evoluzione del concetto di causa del negozio giuridico che si è avuta nel corso del tempo, con particolare riferimento ai recenti orientamenti della dottrina e della giurisprudenza in materia contrattuale. Punto centrale della tematica è l’accoglimento da parte della Suprema Corte di Cassazione con la sentenza n. 10490/06 dell’indirizzo interpretativo che concepisce la causa come la funzione economico individuale, superando apertamente la tradizionale impostazione, consacrata con l’entrata in vigore del Codice civile del ’42, che ne concepisce la nozione in termini di funzione economico sociale. Il lavoro si articola in tre parti: la prima di carattere introduttivo, la seconda rivolta ad un’analisi più specifica delle problematiche sottese alle diverse impostazioni ermeneutiche sul concetto di causa seguite in giurisprudenza e la terza con ad oggetto un raffronto critico tra le diverse teorie. Più nello specifico, nel primo capitolo verrà introdotto l’argomento dell’evoluzione del concetto di causa attraverso una panoramica generale, in termini anche di escursus storico, delle varie teorie che si sono avute, e si hanno tutt’ora, circa il significato da attribuire alla nozione dell’elemento causa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

betti
bianca
causa
causa concreto
causa contratto
causa negozio
causa tipica
code europeenne
codice civile
concetto
contratto
elemento contratto
evoluzione
gazzoni
illiceità contratto
negozio
nullità
obbligazione
principi unidroix
progetti codificatori
ragione pratica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi