Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Globalizzazione dei mercati finanziari e regolazione degli investimenti

La globalizzazione dei mercati finanziari, come fenomeno scaturito dalla dinamica mentalità statunitense degli anni '70, la risposta europea, la crescente imponenza della centralità delle piazze finanziarie; i problemi scaturiti da questo processo inarrestabile e i limiti legati a fenomeni quali la deregolamentazione e la liberalizzazione dei mercati; la sofisticazione finanziaria e la difficoltà di gestione dei nuovi e variegati strumenti finanziari; la necessità di affrontare il problema a livello locale, attraverso norme e regolamentazioni e a livello diffuso e mondiale, attraverso una riforma "vera" delle IfI, in nome di una crescita finanziaria equa ed equilibrata.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 GLOBALIZZAZIONE DEI MERCATI FINANZIARI E REGOLAZIONE DEGLI INVESTIMENTI Breve premessa sull’argomento di tesi La centralità oggi acquisita nella vita economica dai mercati azionari e obbligazionari, valutari e monetari è resa lampante dallo spazio che vi dedicano le cronache quotidiane di tutti i mezzi di informazione di massa e dalla crescente diffusione di dibattiti e di pubblicazioni specialistiche. Ad un osservatore esterno verrebbe spontaneo domandarsi se quei mercati non siano il motore stesso di tutto il sistema economico, la sua parte vitale, punto di partenza e di arrivo della produzione di ricchezza. Di partenza in quanto epicentro degli stimoli alla domanda e all’offerta; d’arrivo perché sintetizzano nel livello e nella variazione dei loro prezzi il dinamismo dell’economia, osservato in sé e anche nel raffronto internazionale. Così, l’ascesa delle quotazioni azionarie aumenta il valore dei risparmi accumulati e riduce il costo del capitale, inducendo maggiori consumi da parte delle famiglie e investimenti da parte delle imprese; allo stesso tempo riflette la crescita realizzata e soprattutto quella attesa nel prossimo futuro. Si potrebbero descrivere analoghe correlazioni tra l’andamento dei prezzi dei titoli a reddito fisso e delle valute e quello dell’economia. Ma è sempre stato così? Premesso che il peso delle vicende finanziarie sull’informazione economica complessiva è maggiore di quello che esse effettivamente hanno nel determinare la direzione dello sviluppo reale, va comunque osservato che una tale importanza della borsa nella vita economica è un fenomeno relativamente recente, l’esito di un percorso storico della finanza niente affatto lineare e condizionato dalle specificità dei differenti modelli nazionali di capitalismo, incardinati alcuni più sulle banche, altri più sui mercati. Questi ultimi caratterizzano particolarmente i sistemi di

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Muzio Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4262 click dal 05/06/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.