Skip to content

A Pragmalinguistic Analysis of Courtroom Questions in a Multilingual Context

Informazioni tesi

  Autore: Minda Santos
  Tipo: International thesis/dissertation
  Anno: 2004
  Università: De La Salle University
  Corso: Department of English and Applied Linguistics
  Relatore: Danilo Dr. Dayag
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 287

Abstract

The paper is a pragmalinguistic analysis of the triadic verbal exchanges among the lawyers, the witness and the court interpreters during the courtroom interrogation in a multilingual context. It involved nine lawyers who interrogated 15 witnesses who belonged to different cultural backgrounds and spoke different languages. Inasmuch as the witnesses testified in their own language, the court interpreters assumed a critical role as facilitators of the communication of evidence during the courtroom talk. The corpus of the study consisted of the recordings of hearings of the interpreted testimonies of 13 different criminal cases heard at the 9th Judicial Regional Trial Courts in Zamboanga City particularly at Branches 14, 15, 16 and 17. All the questions asked by the lawyers and the corresponding answers of the witness to the questions during the direct examination and cross-examination were recorded and later on transcribed, constituted the corpus of the study.

The courtroom questions were categorized in terms of the following levels: (I) lexico-semantic structures of questions (1) lexical choice (modal auxiliaries (can and could), and (2) nominals of address (Madam/Mr. Witness, mam or sir, and (b) Syntactic structures of questions that included (a) WH-questions, (b) Bi-polar questions and (c) Open-ended questions. It analyzed the (II) Sequential levels of questions as (a) Preliminary, (b) Information-checking, and (c) Evidence-validating questions used by the lawyers and differentiated them from the sequential levels of questions used during the two modalities of courtroom interrogations. The analysis of the discourse functions of courtroom questions were likewise done that focused on the three types of communication strategies, namely (a) Indirect Speech Acts (ISA’s) and (b) Declaratives without tags (DWOT’s) principally used by the lawyers, and (c) the use of Self-repair Strategies (Repetition (RE) and (b) Reformulation (RF) mainly used by the court interpreters when they interpreted the lawyers’ questions as well as the witnesses’ answers to the questions.

The study found that the modal auxiliaries 'Can' and 'Could' were used as a softening device and/or as an indirect request. Both modals pervaded during the direct examination, whereas the nominals of address were used in almost the same number of times by both the prosecution and the defense lawyers. Of the three question types, WH-question predominated the direct examination followed by Bi-polar questions. Open-ended questions were minimally used by both the prosecution and the defense lawyers. The sequential levels of questioning were utilized by the respective lawyers to develop a distinct version of the story that favored their respective ends. The defense lawyers exploited the use of the communication strategies, namely, Indirect Speech Acts (ISA’) and Declaratives without tags (DWOT’s) during the cross-examination. On the other hand, the court interpreters used Repetition (RE) and/or Reformulation (RF) when they interpreted the lawyers’ questions and the witnesses’ answers to the questions when a literal interpretation was not possible.




CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Chapter 1 THE PROBLEM AND ITS BACKGROUND 1.1 Introduction Previous research on courtroom discourse has shown that society, law, and language are mutually constructed and all three components are assumed to constitute the legal culture. One basic component within a judicial culture is courtroom talk within which language plays a crucial part. Being one of the major types of professional discourse, the talk is not a commonplace verbal exchange in that the interlocutors are between an expert representing some authority and a layperson (Agar, 1985, cited in Gunnarson, et al., 1997). Accordingly, this type of discourse displays several common features that set it distinct from everyday conversation and thus warrants a peculiar genre of its own. As a sub-genre, its analysis can be centered on all or any of the following: contents of conversation, the professional roles of the participants, the context of the communicative event, and the aim of the dyadic verbal exchanges as they occur in the doctor-patient, teacher-students, and lawyer-witness interaction. The lawyer-witness interaction is characterized by the use of legal language which by its very nature is discoursal and interpretative. It can be observed that a great part of the professional life of the lawyer, in the academic sense, is spent in interpreting the language of the law as in the case of legislative writing, and in the professional sense, getting a witness to present the pertinent evidence or tell his/her stories before the judge, through a communicative act: questioning. But on what does the significance of questioning or interrogating as a speech act in a legal setting rest? Tadio (1983) argues that interrogation is a process of questioning witnesses and suspects to obtain further information relative to the case. Moreover, he stresses that there seems to be no other means of getting information about the case without the use of questions.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

communication strategies
courtroom questions
discourse functions
indirect speech acts
interpreted testimony
pradmatics
question types
reformulation
self-repair
softenming device

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi