Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'esperto di Learning Management: un progetto formativo tra conoscenza e apprendimento

Il Learning Management è la nuova frontiera organizzativa che sancisce il passaggio chiave dalla gestione della conoscenza al management dei processi di formazione e apprendimento all’interno delle moderne organizzazioni. La realizzazione di un corso di formazione avanzata per l’esperto di Learning Management vuole essere la risposta alle sempre maggiori richieste, da parte del mondo del lavoro, di persone altamente qualificate. Per le organizzazioni l’apprendimento non è soltanto una nuova fonte di vantaggio competitivo: esso mette anche a disposizione un approccio al lavoro di straordinaria efficacia. Oggi più che mai, il lavorare è un lavorare con gli altri, lavorare per gli altri. (Enciclica Centesimus annus). Il lavoratore della conoscenza lavora sulle logiche di una cultura del servizio; solo la conoscenza, l’apprendimento, la costruzione del sé portano le persone ad essere la vera e unica risorsa per le organizzazioni. Apprendimento continuo, flessibilità, personalizzazione sono le chiavi di volta per il successo delle aziende nei nuovi scenari economici e sociali.
Il progetto ha un’articolazione di tipo modulare, risulta aperta e flessibile: l’obiettivo primario del corso è quello di creare una figura professionale altamente qualificata che possa svolgere un ruolo strategico all’interno delle organizzazioni. L’esperto di Learning Management è il joiner che permette agli individui che fanno parte dell’organizzazione di essere consapevoli delle proprie capacità, abilità in atto e in potenza. Questo nuovo professionista progetta, coordina e valuta i processi di apprendimento: è per questo che il mix di competenze che dovrà possedere sarà composto da competenze di tipo trasversale e relazionale che gli permetteranno di sviluppare il proprio saper essere all’interno dell’organizzazione; acquisirà e potenzierà le competenze di tipo tecnico relative alla progettazione, alla valutazione, alla formazione e all’apprendimento che costituiranno la sua professionalità, il suo sapere e saper fare. L’attività di stage ha la finalità di delineare attraverso la pratica e l’esperienza, le caratteristiche di questa nuova figura professionale: l’esperto di Learning Management deve essere al tempo stesso specifico e flessibile: flessibile perché deve essere in grado di far fronte alle criticità, e di adattarsi ai cambiamenti; specifico perché le sue core competencies siano una strategia efficace per raggiungere l’eccellenza delle performances individuali e collettive.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 7 - Introduzione Il problema vero oggi per le aziende non è tanto raggiungere il successo, ma soprattutto mantenerlo, trovare in altri termini un modello di funzionamento che le renda unicamente “vincenti”. Le teorie microeconomiche che vedevano l’azienda come una scatola nera sono ormai state superate dalla visione dell’azienda come un insieme di attività lungo una catena di valore e il concetto di azienda estesa basata sulla conoscenza fa un ulteriore passo in avanti. Il sistema del valore non si ferma allo scambio di beni tangibili fra fornitori-azienda e fra azienda-clienti, ma diventa estensione della conoscenza; questo processo permette di ampliare i confini dell’azienda sempre meno vista come un sistema meccanicistico- cibernetico ma come sistema cognitivo-aperto. La diffusione della connettività e l’introduzione delle tecnologie abilitanti stanno nuovamente definendo i canali di comunicazione che legano i diversi attori sociali e organizzativi. I vantaggi competitivi acquisiti diventano potenzialmente disponibili a tutti, innescando un cambiamento radicale. Quindi la sfida del prossimo futuro sarà quella di gestire in maniera efficace il passaggio da un’economia industriale a un’economia della conoscenza orientando le aziende ad acquisire la capacità di innovarsi per raggiungere e mantenere il successo. Il vantaggio competitivo per le nuove organizzazioni è pertanto fornito dalle persone, dal capitale intellettuale e dalle competenze che gli individui esprimono all’interno dell’azienda stessa. Si è verificata la transizione, dalla modernità solida alla modernità liquida, da una società a stampo fordista-taylorista ad una società in cui l’informazione e la conoscenza sono gli elementi base su cui fondare il successo degli individui e delle imprese. La società della conoscenza viene ad essere la nuova condizione umana, in una società in cui vivono, lavorano, si organizzano donne e uomini che incontrano ogni giorno il sapere e le conoscenze come nuovo capitale; come fondamento strutturale dell'economia e dello sviluppo sociale. L'accento viene così posto sulla capacità umana di creare ed usare le conoscenze in maniera efficace ed intelligente, su basi in costante evoluzione. L’attenzione si sposta così sulle capacità aziendali di riconoscere l’importanza decisiva del capitale rappresentato dalle persone e dalle loro conoscenze La risorsa umana diviene, quindi, leva fondamentale per la costruzione, la difesa e lo sviluppo di condizioni competitive e come tale assume caratteristiche di variabile strategica, non dipendente.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Mariagiovanna Dario Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2357 click dal 13/06/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.