Skip to content

Governance of the Investor-Entrepreneur Relationship: Empirical Support of Some Outcomes and Limitations of the Economic Approach

Informazioni tesi

  Autore: Marcel Mboa
  Tipo: International thesis/dissertation
  Anno: 2006
  Università: Breyer State University-Alabama
  Corso: Business Administration
  Relatore: Flarey Dominick
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 304

Cooperation is a necessary condition for the success of any social relationship or collective endeavor and is recognized to be superior to non-cooperation and individual action at achieving virtually all goals in any domain. In the Investor-Entrepreneur relationship, cooperation is believed to be more important than whatever resource invested by parties in the venture, including the financial capital itself. Research and theory in venture capital contracting, however, hint at the possibility of the governance mechanisms of the Investor-Entrepreneur relationship being uncooperative in essence and leading to significant social inefficiencies. This research investigated the extent of cooperation yielded by Opportunism-oriented Mechanisms of Governance (OMEGs) and their effects on cooperation. A sequential mixed-methods research, encompassing a Randomized Block Laboratory Experiment (RBLED) followed by Conversation Analysis (CA) and Ethnographic Content Analysis (ECA) of the post-experimental enquiry, was used to assess the effectiveness of monitoring, transaction procedures, and reliance on the market for reputation in inducing cooperation, with the ultimate aim of generating an in-depth understanding of their outcomes and limitations. There was a strong support that Opportunism-oriented Mechanisms of Governance (OMEGs) are generally ineffective in yielding cooperation in the financing relationship, and that their use involves high economic and social costs, which induce significant social inefficiencies. The first-order central understanding gained from the study is that research and theory have failed to draw the crucial distinction between opportunism and opportunistic behaviors. We would not have expected OMEGs to be effective in addressing opportunism and thereby inducing cooperation, inasmuch as they were not designed for that. They were designed to control opportunistic behaviors, which unfortunately are of an unparalleled volatility and versatility, always changing and migrating from controlled to uncontrollable areas. The second-order central understanding of the study is that venture capital financing is prone to social inefficiency because it relies on non-cooperative institutions rather than on cooperative institutions, which are credited with superior cost-effectiveness. A wealth of recommendations for further research stemmed from the study. Prominently among all, a call is made for the inclusion of spirituality, the parent of all morals and all ethics, in theoretical modeling and institution design, because it emerged from the study that only spirituality-based theories can help address opportunism and build trusting societies, where cooperative mechanisms of governance would prevail and increase the social efficiency of many human activities that are impaired by lack of trust. Of almost the same prominence is the claim for the improvement of current institutional structures, in order to render them more socially efficient and thereby preserve the scarce resources of our world, by moving from contractual to relational governance or by shifting from venture capital financing to venture guardianship in entrepreneurial finance.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Governance of the Investor-Entrepreneur Relationship 1 Chapter 1: Introduction The Problem of Cooperation in the Financing Relationship Any human being must voice disgust against the misuse of the world’s scarce resources because such misuse is done more or less to his or her detriment. As Michael Jensen and William Meckling (1994) put it, “the challenge of our society, and all organizations in it, is to establish rules of the game that tap and direct human energy in ways that increase rather than reduce the effective use of our scarce resources” (Jensen & Meckling, 1994, p. 4). An investigation into the realm of venture capital contracting theory and practice by Steven Kaplan and Per Strömberg (2003, 2001), extending prior works by Gordon Smith (1998), William Sahlman (1990), Paul Gombers (1998), and Bernard Black and Ronald Gilson (1998), revealed that current venture capital financing is based on a logic of control and sanctions, which is a non cooperative logic (Axelrod, 1984), and may even prove destructive to cooperation if Leifer and Mills (1996), and Larson (1992) are to be believed. Given that cooperation is obviously superior to non cooperation and individual action at achieving virtually all goals in any domain (Maitland, Bryson, & Van De Ven, 1985), and that cooperation has proven more important than the financial capital itself in venture capital financing (Timmons & Bygrave, 1986; Shepherd & Zacharakis, 2001), the findings by Kaplan and Strömberg (2003) raise some serious concerns as to the social efficiency of current practices in entrepreneurial finance. One could justifiably suspect that contemporary practices in venture capital financing constitute a misuse of money, time, knowledge and human energy and may need a profound change, simply because they are uncooperative in essence. Since

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cooperation
mechanisms of governance
opportunism
social efficiency

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi