Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mio mondo incantato: narrazione e identità nell'età infantile

All’interno della letteratura psicologica che ha studiato gli aspetti della narrazione, ho ritenuto interessante approfondire la relazione tra il “pensiero narrativo” e le “fiabe” intese come preziose modalità d’interpretazione della realtà sin dall’infanzia.
L’ottica del mio lavoro è quindi tutta volta all’analisi della comunicazione narrativa e del pensiero narrativo in quanto bisogno fondamentale per l’essere umano di dare un senso all’esperienza.
In questo contesto la fiaba si colloca come uno strumento universale che, rispecchiando la cultura, organizza l’esperienza attraverso il linguaggio.
Essendo la mente predisposta per istinto a tradurre l’esperienza in termini narrativi, grazie alla capacità di costruire storie come modelli mediante cui interpretare la realtà, il prezioso aiuto delle fiabe è quello di fornire al bambino uno strumento privilegiato per la conoscenza del mondo, delle caratteristiche delle azioni umane, del sistema di norme e valori propri della cultura in cui vive e in tal senso la narrazione permette di esprimere il sistema di credenze di ogni individuo...

Mostra/Nascondi contenuto.
Facoltà di Lettere e Filosofia - Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione A.A. 2004-2005 DERUVO ROBERTA matr 670500487 Relatore: Prof. Agnes Allansdottir RIASSUNTO DELLA TESINA FINALE: «IL MIO MONDO INCANTATO: NARRAZIONE E IDENTITA’ NELL’ETA’ INFANTILE» All’interno della letteratura psicologica che ha studiato gli aspetti della narrazione, ho ritenuto interessante approfondire la relazione tra il “pensiero narrativo” e le “fiabe” intese come preziose modalità d’interpretazione della realtà sin dall’infanzia. L’ottica del mio lavoro è quindi tutta volta all’analisi della comunicazione narrativa e del pensiero narrativo in quanto bisogno fondamentale per l’essere umano di dare un senso all’esperienza. In questo contesto la fiaba si colloca come uno strumento universale che, rispecchiando la cultura, organizza l’esperienza attraverso il linguaggio. Essendo la mente predisposta per istinto a tradurre l’esperienza in termini narrativi, grazie alla capacità di costruire storie come modelli mediante cui interpretare la realtà, il prezioso aiuto delle fiabe è quello di fornire al bambino uno strumento privilegiato per la conoscenza del mondo, delle caratteristiche delle azioni umane, del sistema di norme e valori propri della cultura in cui vive e in tal senso la narrazione permette di esprimere il sistema di credenze di ogni individuo. Già i bambini di quattro anni hanno uno schema iniziale delle storie fantastiche che usano per la produzione e la comprensione di testi nella comunicazione narrativa. Le storie di fantasia prendono come riferimento norme e regolarità del mondo reale, seguendo una determinata logica delle azioni, rispettando l’ordine temporale degli eventi e caratterizzandosi da un lessico appropriato, ma allo stesso tempo presentano fatti impossibili e personaggi inverosimili.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Roberta Deruvo Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12447 click dal 11/06/2007.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.