Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Commercio internazionale e paesi in via di sviluppo: il ruolo dell’Unione Europea

La politica commerciale è un argomento complesso e tecnico e attualmente va affrontata in termini globali. Con la globalizzazione un numero crescente di paesi, sia ricchi che poveri, partecipa all’economia mondiale. Questo processo modifica gli schemi del commercio internazionale e influenza in maniera crescente la nostra vita quotidiana.
La ricchezza generata dal commercio aiuta i paesi dell’Unione europea (UE) a garantire ai propri cittadini una migliore qualità di vita, oggi e anche in futuro. Se gestita in maniera corretta, la partecipazione agli scambi internazionali offre anche ai paesi in via di sviluppo l’opportunità di promuovere la crescita economica. Ed essi ne hanno urgente bisogno. La tesi si propone di inquadrare il ruolo dell'UE nella processo di cooperazione allo sviluppo.Un percorso che va dai primi passi intrapresi verso l'attuazione di una politica comunitaria in tema sino alle attuali strategie future. Dimensione legislativa, politica e finanziaria sono ambiti che si vanno a fondere nell'analisi. Per concludere un excursus sul commercio equo e solidale, un'altra direzione che sta prendendo la cooperazione allo sviluppo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Prova finale Nicola Ferraris 4 1.U.E. e Politica Commerciale La politica commerciale è un argomento complesso e tecnico e attualmente va affrontata in termini globali. Con la globalizzazione un numero crescente di paesi, sia ricchi che poveri, partecipa all’economia mondiale. Questo processo modifica gli schemi del commercio internazionale e influenza in maniera crescente la nostra vita quotidiana. La ricchezza generata dal commercio aiuta i paesi dell’Unione europea (UE) a garantire ai propri cittadini una migliore qualità di vita, oggi e anche in futuro. Se gestita in maniera corretta, la partecipazione agli scambi internazionali offre anche ai paesi in via di sviluppo l’opportunità di promuovere la crescita economica. Ed essi ne hanno urgente bisogno. L’Unione europea è una assoluta protagonista del commercio mondiale come ci è confermato dai primati a livello di : esportazione di merci (oltre 970 miliardi di euro nel 2003, ossia circa un quinto del volume mondiale) 1 ; Investimenti diretti esteri (IDE) in uscita (341,8 miliardi di euro nel 2003) 2 ed IDE in entrata (165,6 miliardi di euro nel 2003) 2 dove si colloca al secondo posto dopo gli Stati Uniti (175 miliardi di euro circa nel 2003) 2 . 1 Fonte: elaborazione ICE su dati OMC e EUROSTAT 2 Fonte: World investment report; UNCTAD

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Nicola Ferraris Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3996 click dal 13/06/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.