Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi della sintassi tedesca attraverso NLTK

Questo lavoro nasce con l’intento di voler dare, pur già esistendo innumerevoli e svariate teorie, un applicativo pratico per l’analisi automatica della lingua tedesca. Si è detto innumerevoli e svariate, poichè tante e diverse sono le teorie ed i modelli computazionali che sono stati dati fino ad oggi su tale argomento, ma tutt’ora non ne esiste una controparte pratica; ciò capita a causa delle troppo esose risorse richieste da tutti i modelli teorici fino ad ora elaborati, i quali tentano di esaurire ogni minima parte della sintassi del tedesco, insieme di dati, questo, troppo vasto perchè possa essere agevolmente gestito da un piccolo programma di parsing. Questo progetto, al contrario, si pone come obiettivo un approccio più leggero all’analisi della lingua tedesca, risultando quindi semplice ed intuitivo per gli studenti alle prime armi ma, allo stesso tempo, altamente personalizzabile per l’utente già esperto che voglia inserire di persona strutture sintattiche particolarmente complesse, L’elaborato risulta suddiviso in tre capitoli, nel primo dei quali vengono delineate tutte le caratteristiche generali per cui un sistema, tramite l’utilizzo di diverse forme di grammatica, possa essere inteso come linguaggio, approfondendo le principali specifiche di quegli strumenti (le grammatiche) che ne rendono possibile la realizzazione, con particolare sguardo al generativismo di Noam Chomsky e alla grammatica dei casi di Charles J. Fillmore; trasferiti questi sistemi sul piano dei calcolatori, nel secondo capitolo, si delineano tutti quegli strumenti definibili computazionali che hanno permesso la realizzazione dell’applicativo finale al quale si è giunti, presentato e descritto in dettaglio nel capitolo conclusivo.
Si tratta di un piccolo passo mosso in una direzione fino ad ora quasi per nulla percorsa in termini pratici, un passo che si spera possa essere utile sia dal punto di vista dell’insegnamento di una lingua straniera congiunto a metodi computazionali, sia da quello dell’apprendimento della stessa; in queste pagine trova spazio anche una breve analisi sul fenomeno dell’Open Source, movimento che negli ultimi anni è diventato, via via, sempre più importante e, sostanzialmente, parte integrante, se non base vera e propria, dello sviluppo di questo progetto.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA 3 Premessa Questo lavoro nasce con l’intento di voler dare, pur già esistendo innumerevoli e svariate teorie, un applicativo pratico per l’analisi au- tomatica della lingua tedesca. Si è detto innumerevoli e svariate, poi- chè tante e diverse sono le teorie ed i modelli computazionali che sono stati dati fino ad oggi su tale argomento, ma tutt’ora non ne esiste una controparte pratica; ciò capita a causa delle troppo esose risorse richie- ste da tutti i modelli teorici fino ad ora elaborati, i quali tentano di esaurire ogni minima parte della sintassi del tedesco, insieme di dati, questo, troppo vasto perchè possa essere agevolmente gestito da un pic- colo programma di parsing. Questo progetto, al contrario, si pone come obiettivo un approccio più leggero all’analisi della lingua tedesca, risul- tando quindi semplice ed intuitivo per gli studenti alle prime armi ma, allo stesso tempo, altamente personalizzabile per l’utente già esper- to che voglia inserire di persona strutture sintattiche particolarmente complesse, L’elaborato risulta suddiviso in tre capitoli, nel primo dei quali ven- gono delineate tutte le caratteristiche generali per cui un sistema, tra- mite l’utilizzo di diverse forme di grammatica, possa essere inteso come linguaggio, approfondendo le principali specifiche di quegli strumenti (le grammatiche) che ne rendono possibile la realizzazione, con parti- colare sguardo al generativismo di Noam Chomsky e alla grammatica dei casi di Charles J. Fillmore; trasferiti questi sistemi sul piano dei calcolatori, nel secondo capitolo, si delineano tutti quegli strumenti de- 3

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Francesco Cisaro Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1330 click dal 14/06/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.