Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Risorse idriche e sviluppo in America Latina - Il progetto idraulico di Yacyretà

La tesi parla nella prima dell'aspetto geografico ficico dell'america latina, nel seondo capitolo della problematica acqua nel mondo e in america latina vista come futuro oro blu e bene prezioso e di come questo bene venga sfruttato in paesi poveri come l'america latina appunto attrverso costruzioni di mega centrali idroelettriche specificato nel terzo capitolo

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE “..the conquest of the earth, which mostly means the taking it away froma those who have a different complexion or slightly flatter noses than ourselves, is not a pretty thing when you look into it to much.What reedims it is the idea only. An idea at the back of it; not a sentimental pretence but an idea; and an unselfish belief in the idea- something you con set up , and bow down before,, and offer a sacrifice to.” 1 Joseph Conrad “Heart of Darkness”ch.I. Il presente lavoro cerca di individuare la stretta connessione tra sfruttamento delle risorse idriche dell’America del Sud e il suo sviluppo socio-economico, in un discorso generale sull’utilizzo problematico delle risorse idriche, con l’analisi poi del caso del grande progetto idraulico di Yacyretá sul fiume Paraná tra Argentina e Paraguay. La geografia è in grado di fornire risposte a molti degli aspetti della realtà, in quanto considera l’interdipendenza dei fenomeni storici, economici, sociali e culturali, individuando di essi i processi di causa ed effetto, e permette di sintetizzare informazioni provenienti da diverse aree di esperienza e conoscenza, indirizzandole verso un indispensabile approfondimento. In questa prospettiva con i testi di Corna Pellegrini, Rouquié, prof. Maury, Barbina, Ferragina, Caubet, ecc. 2 , si è costruito un percorso 1 “la conquista della terra che di fatto vuol dire toglierla a chi ha un colore della pelle diverso dal nostro o il naso leggermente schiacciato , non è una bella cosa a guardarla troppo da vicino. A riscattarla c’è solo l’idea e una fiducia disinteressata in quell’idea: qualcosa da esaltare, davanti cui inchinarsi e alla quale offrire sacrifici.” 2 BARBINA G., La geografia umana nel mondo contemporaneo, Roma, Carocci, 2000. CORNA PELLEGRINI G., Geografia dell'America Latina, Torino, UTET, 1988. ROUQUIÉ A., America Latina, introduzione all’estremo occidente, Milano, Paravia Bruno Mondadori, 2000. FERRAGINA E., “Risorse idriche tra stato e mercato” in Meridione sud e nord nel mondo, n. 3, Edizioni Scientifiche Italiane, maggio-agosto 2003, pp. 114 - 128. CAUBET G. C., As grandes manobras de Itaipu, energia, diplomacia e direito na bacia dó Prata, São Paulo, Editoria Académica, 1991. MAURY R. G., Alcune riserve sui grandi progetti irrigui nei bacini dell’Eufrate e del Tigri in Turchia e in Siria, in Ricostruire l’agricoltura per ricostruire l’ambiente Lezzi Santoro C. (ed.), Galatina (LE), Congedo, 1983, pp. 439 - 454.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Chiara Mango Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1070 click dal 19/06/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.