Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La vana vita dell'immagine. La rappresentazione cinematografica di Andy Warhol

Presentazione ed analisi metodologica dell'arte serigrafica e dell'arte cinematografica di Andy Warhol. Evoluzione artistica della personalità complessa dell'autore in relazione all'ambiente dello spettacolo e alla società popolare degli anni sessanta.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Per stilare un’analisi critica del movimento artistico definito col termine “Pop Art”, non si può evitare uno sguardo diretto sul contesto sociale degli anni in cui è venuto alla luce, i sessanta, anni di cambiamento, di contestazione, di rivoluzione, di stanchezza, di bisogno di dare un’immagine diversa e reale del mondo circostante e delle nuove abitudini sociali. Gli anni precedenti erano stati caratterizzati dall’impellente bisogno di affermare la modernità e darle un senso, già la nascita dell’Impressionismo, verso la fine dell’ottocento, aveva visto grandi autori, nomi come ad esempio Manet, Monet, Degas, battersi per la rappresentazione delle proprie opere al Salon, l’epicentro artistico francese dell’epoca, lottare per l’affermazione di un nuovo movimento artistico che secondo loro meglio esprimeva il cambiamento sociale in atto, che meglio si confaceva alle esigenze “moderne” dei loro tempi, uno stile insolito ed affascinante che prediligeva la pittura “en plein air” e la disgregazione della nettezza della forma, uno sguardo ad occhio nudo sul mondo in movimento. “Le dejeuner sur l’erbe” di Manet fece grande scalpore al Salon, ma segnò l’inizio di un’epoca, la rottura col passato classico e l’entrata in scena di un punto di vista moderno. Ma i disordini che hanno attraversato l’ambiente pittorico francese, stavano in realtà prendendo corpo in tutto il mondo, in tutti i campi artistici, perché l’arte, si sa, è colei che per prima da forma allo spirito nascente di una nuova epoca. Dall’Impressionismo alla Pop Art, ogni movimento ha sempre affermato con rigore la verità del proprio tempo, “se dietro al pittore intrepidamente moderno che, per il poeta francese, è Constantine Guys, si slarga la grande città, i giornali

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nadia Fontanella Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4706 click dal 19/06/2007.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.