Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi attraverso tecniche di statistica multivariata della relazione tra personalità e burnout nelle organizzazioni

Tutti sanno che cos’è lo stress, ma non tutti sanno cosa sia il burnout. Questa parola anglosassone che significa “bruciarsi, essere bruciato” descrive una sindrome formata da numerosi sintomi che può colpire una determinata persona sottoposta per un lungo periodo a situazioni particolarmente stressanti. Il burnout può colpire un individuo in numerosi casi; in questa ricerca verrà analizzato quello più specifico inerente alle persone impiegate in un contesto organizzativo.

La struttura espositiva del lavoro che ho svolto è quella che David Silverman ha chiamato “storia naturale della ricerca”. Invece di procedere ad una presentazione lineare che passasse attraverso una discussione dello stato dell’arte, della formulazione delle ipotesi e dei risultati finali, ho preferito far vedere passo per passo tutti i ragionamenti e i motivi che mi hanno portato alle conclusioni.
Ho dunque esposto nella tesi la forma che il lavoro di ricerca come processo ha preso. Ho riportato quindi tutte le analisi che ho svolto, compresi i dubbi e le risposte parziali. A mio avviso tale modo di esposizione rende maggiormente conto dei problemi metodologici; e, se forse complica un po’ il quadro, tuttavia rende più trasparente il processo di ricerca.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Relazione tra personalità e sindrome del burnout nelle organizzazioni Introduzione  Tutti sanno che cos’è lo stress, ma non tutti sanno cosa sia il burnout. Questa parola anglosassone che significa “bruciarsi, essere bruciato” descrive una sindrome formata da numerosi sintomi che può colpire una determinata persona sottoposta per un lungo periodo a situazioni particolarmente stressanti. Il burnout può colpire un individuo in numerosi casi; in questa ricerca verrà analizzato quello più specifico inerente alle persone impiegate in un contesto organizzativo. Alcune categorie di lavoratori, a causa di particolari fattori stressogeni legati all’attività professionale, sono soggetti a rischio per la sindrome del burnout. Tale condizione è caratterizzata da affaticamento fisico ed emotivo, atteggiamento distaccato, apatia nei rapporti interpersonali e sentimento di frustrazione. Autorevoli studi hanno accertato che tale affezione rappresenta un fenomeno di portata internazionale e con un aumento sempre più impressionante. Lo stress è quindi la scintilla che può innescare questo complicato processo degenerativo psico-fisico, anche se d’altra parte lo stress fa parte della vita e forse, in una certa misura, è necessario. C’è chi addirittura è più produttivo e creativo quando lavora sotto stress. Ma se lo stress è intenso ed incessante, diventa un fenomeno negativo che porta a malattie fisiche e disturbi psicologici. A livello organizzativo generale vi sono numerosi aspetti comuni allo stress e al burnout dovuti soprattutto ai cambiamenti in atto sul mercato del lavoro. La globalizzazione dell’economia ha dato luogo a mutamenti importanti della natura del lavoro ed intensificato la pressione esercitata sui lavoratori. In un

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mauro Puggina Contatta »

Composta da 262 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3946 click dal 19/06/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.