Skip to content

Analisi economica del crimine. Un'applicazione al caso Parmalat

Informazioni tesi

  Autore: Simona Omodei
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Pastore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

Il Gruppo Parmalat in poco più di 40 anni, da media azienda agroalimentare italiana è divenuta un colosso del mercato internazionale, in continua e inarrestabile ascesa, che ha visto la parola fine quando si è aperta la voragine degli affari sfacciatamente fraudolenti e truffaldini.
In questo lavoro, analizzando i fatti accaduti inerenti al crac, esamineremo, alla luce dell’attuale sistema di corporate governance vigente nel nostro ordinamento, le responsabilità dei soggetti che, per l’attività svolta, hanno avuto un ruolo determinante nella vicenda, cercando di capire, utilizzando gli strumenti analitici propri dell’approccio tradizionale dell’economia criminale di Becker (1968), se, in primis, il presidente della Parmalat, Calisto Tanzi e coloro che hanno contribuito alla realizzazione di quella che si è rivelata una truffa colossale, siano da considerare criminali senza scrupoli, delinquenti spregiudicati, o se in realtà il loro comportamento criminoso sia il risultato di un calcolo razionale messo in atto per soppesare vantaggi e svantaggi connessi alla realizzazione dell’atto criminale, rispondendo così a incentivi, come la mancanza di adeguati controlli e la tenuità delle pene, che rendono il compimento di reati finanziari particolarmente conveniente. Infine analizzeremo come, nell’ambito di un sistema repressivo efficiente di prevenzione e irrogazione delle pene, sia fondamentale l’effettività della certezza della pena, deterrente esemplare ed efficace alla commissione di reati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE La coraggiosa scelta di immergermi nei meandri ormai neppure troppo oscuri di uno scandalo finanziario che ha segnato in maniera indelebile la storia della finanza mondiale, nasce probabilmente dal fatto di essere stata investita da questo turbine finanziario contemporaneamente alla preparazione dell’esame di Economia degli Intermediari Finanziari, studio che mi ha permesso di comprendere l’aberrante fenomeno finanziario in tutte le sue sfaccettature, prendendo coscienza di ogni anomalia interna ed esterna all’azienda che ha coinvolto a 360° tutti gli stakeholders di una corporate governance che ha decisamente fallito nel fulcro dei suoi obiettivi cardine, rendendo così possibile la realizzazione di una frode finanziaria senza precedenti, degna di essere analizzata più che dagli economisti o analisti finanziari, da eccelsi fisici come Stephen Hawking, specialista in buchi neri… Ma l’ironia è solo un modo per sdrammatizzare le conseguenze invece drammatiche per migliaia di risparmiatori finiti sul lastrico, ingannati da un progetto tanto perverso quanto sleale. Il Big Bang finanziario ha generato un universo di incertezza e scalpore, destinato ad aumentare alla vista delle innumerevoli scatole cinesi aperte dal Commissario Straordinario Enrico Bondi, che hanno mostrato le dinamiche di questa folle vicenda. Ma quanto davvero di folle c’è stato nella mente di un imprenditore, Callisto Tanzi, che per anni ha giocato la sua partita sommersa, falsificando i conti della sua azienda con una naturalezza disarmante? Ecco che in maniera fulminea la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione straordinaria
banca italia
banche parmalat cirio
beccaria
becker
beneficio
calisto tanzi
certezza pena
collegio sindacale
consob
corporate governance
corporate governance parmalat
crac parmalat
crak
diritto economia
enron and parmalat finanza
fazio parmalat
indulto
mercato crimine
parmalat
società revisione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi