Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Costituzione economica: dalla Commissione economica per la Costituzione al titolo dei rapporti economici

La Costituzione italiana del 1948 è stata spesso interpretata come portatrice di un "nuovo modello" economico capace di superare l'eterno dilemma fra pianificazione e libero mercato attraverso la creazione di un sistema di economia mista volto a fonderli insieme e a farli coesistere in maniera ordinata: una simile interpretazione ha di fatto alimentato l'illusoria speranza che il modello di economia mista rappresentasse la soluzione ideale dimenticando che l'alternativa fra interventismo e liberismo restava quanto mai aperta e di estrema attualità. Quel carattere compromissorio derivato dalla larga intesa che venne raggiunta sul piano politico fra le ideologie fondamentali (la liberale, la cattolica e la socialista) è, difatti, pecepibile nell'ambito dell'intera Costituzione del 1948 e la sua influenza sembra avvertirsi in special modo nel titolo III sui "rapporti economici".

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La Costituzione italiana del 1948 è stata spesso interpretata come portatrice di un “ nuovo modello ” economico capace di superare l’eterno dilemma fra pianificazione e libero mercato attraverso la creazione di un sistema di economia mista volto a fonderli insieme e a farli coesistere in maniera ordinata: una simile interpretazione ha di fatto alimentato l’illusoria speranza che il modello di economia mista rappresentasse la soluzione ideale dimenticando che l’alternativa fra interventismo e liberismo restava quanto mai aperta e di estrema attualità. La costituzione economica italiana è espressione, infatti, di un evidente carattere compromissorio fra ideologie e modelli economici contrapposti tale da permettere di affermare con un certo grado di certezza la mancanza di una netta impostazione liberista nell’intero Titolo III della parte prima (concernente i “ Rapporti economici ”), titolo che appare senz’altro condizionato da un’idea di un’economia ancora fortemente orientata dallo statal - dirigismo e dove l’influenza del modello economico della pianificazione comunista non risulta assente ma soltanto attenuato nella sua variante più debole espressa dalla programmazione I . L’economia mista della nostra Carta costituzionale rispecchia, del resto, una tendenza che potrebbe quasi definirsi generale e diffusa da parte dei Costituenti al raggiungimento di una sorta di punto di incontro sui temi più intricati e dibattuti non sempre del tutto scevro da ambiguità: quel carattere compromissorio derivato dalla larga intesa che venne raggiunta sul piano politico fra le ideologie fondamentali (la liberale, la cattolica e la I Compromesso espresso chiaramente nel dettato dell’art. 41 della Costituzione ove, infatti, si afferma che “ l’iniziativa economica privata è libera ” ma che essa “ non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale ”, tanto che la “ legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali ”. IV

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Matteo Rangoni Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3722 click dal 21/06/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.