Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rodolfo Mondolfo lettore di Rousseau

Rodolfo Mondolfo rivolse il proprio interesse di studioso a molteplici ambiti della storia della filosofia: dai filosofi classici fino ai giusnaturalisti moderni. Sarebbe pertanto difficile stabilire in quale campo egli diede il suo miglior contributo, ciò nonostante è indubbiamente la sua interpretazione del marxismo che gli conferì una immediata e vasta notorietà nel mondo politico e culturale italiano di inizio Novecento, portandolo ad essere presto e a lungo annoverato fra i cosiddetti marxisti revisionisti.
Nello stesso periodo in cui inizia a dedicarsi alla stesura di opere relative al pensiero di Marx e di Engels, e ai connessi dibattiti teorici, Mondolfo pubblica una breve serie di lavori sul pensiero dei giusnaturalisti moderni, tra i quali lo studio sulla dottrina filosofica di Rousseau spicca per la cura e la partecipazione mostrate dall'autore nel compiere quest'opera.
Esaminati nel loro complesso questi saggi si dimostrano di fondamentale importanza poiché rappresentano il reale preludio dell'adesione di Mondolfo al marxismo, contenendo infatti molteplici principi ed elementi concettuali che anticipano e manifestano l'impostazione generale della sua stessa riflessione filosofica, nonché le basi della sua oggi nota interpretazione in chiave umanistica del pensiero di Marx ed Engels.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Rodolfo Mondolfo rivolse il proprio interesse di studioso a molteplici ambiti della storia della filosofia: dai filosofi classici fino ai giusnaturalisti moderni. Sarebbe pertanto difficile stabilire in quale campo egli diede il suo miglior contributo, ciò nonostante è indubbiamente la sua interpretazione del marxismo che gli conferì una immediata e vasta notorietà nel mondo politico e culturale italiano di inizio Novecento, portandolo ad essere presto e a lungo annoverato fra i cosiddetti marxisti revisionisti. Nello stesso periodo in cui inizia a dedicarsi alla stesura di opere relative al pensiero di Marx e di Engels, e ai connessi dibattiti teorici, Mondolfo pubblica una breve serie di lavori sul pensiero dei giusnaturalisti moderni, tra i quali lo studio sulla dottrina filosofica di Rousseau spicca per la cura e la partecipazione mostrate dall'autore nel compiere quest'opera. Esaminati nel loro complesso questi saggi si dimostrano di fondamentale importanza poiché rappresentano il reale preludio dell'adesione di Mondolfo al marxismo, contenendo infatti molteplici principi ed elementi concettuali che anticipano e manifestano l'impostazione generale della sua stessa riflessione filosofica, nonché le basi della sua oggi nota interpretazione in chiave umanistica del pensiero di Marx ed Engels. Gli studi in cui Mondolfo si dedica direttamente e principalmente al pensiero di Rousseau sono: "Il Contratto Sociale e la tendenza comunista in J.J. Rousseau" del 1907, e "Rousseau nella formazione della coscienza moderna", uscito per la prima volta nella Rivista Pedagogica nel 1912, poi ristampato con alcune aggiunte nel 1954 con il titolo "Rousseau e la coscienza moderna". Questi due saggi, come accennato, sono inseriti in un contesto più ampio: gli anni che vanno dal 1906 al 1912 videro infatti l'interesse di Mondolfo rivolgersi allo studio del giusnaturalismo, con il dichiarato scopo di approfondire i rapporti tra le dottrine liberali e quella comunista. Del resto che con queste sue ricerche egli voglia evidenziare una continuità logica esistente tra gli ideali della Rivoluzione Francese ed il pensiero di Marx ed Engels è chiaro sin dal titolo del testo del 1909: "Tra il diritto di natura e il comunismo", una raccolta in due volumi contenente i saggi sull'argomento precedentemente pubblicati in varie riviste. Pur con questo intento di dimostrare la continuità del socialismo rispetto alla filosofia politica precedente, Mondolfo conduce un'analisi approfondita e rigorosa, individuando quei concetti fondamentali che, secondo Mondolfo, se condotti alle loro estreme conseguenze logiche non contrastano con le successive teorie socialiste bensì ne rappresentano i presupposti e le strutture portanti. Nel contesto di questi studi quelli più strettamente riguardanti Rousseau hanno un'importanza fondamentale: sia per l'ampiezza e la completezza delle ricerche dedicate a questo autore, quindi

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Marco Alessandro Stazi Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1001 click dal 25/06/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.