Skip to content

I sistemi di gestione dei diritti digitali

Informazioni tesi

  Autore: Martina Bottega
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Nicola Lucchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 117

L’introduzione del digitale e di Internet ha introdotto notevole entropia nel mondo consolidato di autori, editori e broadcaster e più in generale nel mondo dei media, evidenziando da un lato nuove ed interessanti modalità distributive ed opportunità di profitto, ma dall’altro lato, la necessità di tutelare i diritti dei vari attori presenti nella nuova catena di distribuzione dell’opera, diritti messi in pericolo da una potenziale e massiccia diffusione abusiva.
Questa nuova situazione ha creato la necessità di produrre tecnologie a tutela dei contenuti immessi nella rete.
Affrontare la pirateria e salvaguardare la tutela del copyright è quanto promettono le leggi sul diritto d’autore proprio con l’aiuto dei relativi supporti tecnologici per la distribuzione controllata dei contenuti, i sistemi DRMs (Digital Rights Management).
Tale regolamentazione ha prodotto esiti paradossali: essa ha infatti colpito non i cd. pirati digitali, ma persone che operano nell’ambito della scienza e della tecnologia, cioè coloro che sono in grado di sviluppare e diffondere nuove e competitive tecnologie.
Inoltre le tecnologie DRMs stanno diventando sempre più sofisticate e pervasive, tanto da avere delle implicazioni notevoli sui diritti e le libertà degli utenti garantite dalla Costituzione, quali la privacy o la libertà di manifestazione del pensiero. Hanno infatti prodotto forme di censura, intrusioni e intercettazioni abusive nei computer di utenti ignari e, dunque, forme di controllo non sempre lecite.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3INTRODUZIONE Fino ai primi anni ’90 l’associazione formato/supporto risultava immediata e scontata: testo significava giornale o libro, audio significava radio, CD musicali o cassette e video significava televisione, cinema o videocassette. Grazie a questa associazione i contenuti musicali e quelli video, non soffrivano in maniera rilevante del fenomeno delle copie non autorizzate: l’unica forma di duplicazione possibile era infatti su nastro magnetico, mediante quindi un procedimento di tipo analogico, ma così come con una fotocopiatrice, ad ogni copia si perdeva in qualità: il fenomeno esisteva ma si autoemarginava. Tale assetto si è alterato quando le tecnologie digitali si sono evolute a sufficienza per gestire efficientemente i contenuti multimediali e nel mondo della comunicazione si sono affacciate prepotentemente le aziende telefoniche, che hanno contribuito in massima parte alla crescita di Internet, inizialmente a banda stretta e più recentemente a banda larga. Si è parlato a questo punto di rivoluzione digitale. Oggi infatti su Internet si possono leggere, ascoltare, vedere, manipolare, copiare, scaricare indistintamente contenuti nei formati testo, audio e video. Inoltre la copia digitale, non è altro che una sequenza numerica, sempre identica, assolutamente indistinguibile dall’originale, e la duplicazione (e distribuzione) illegale su vasta scala è quindi facile, possibile ed economicamente alla portata di chiunque. L’introduzione del digitale e di Internet ha quindi introdotto notevole entropia nel mondo consolidato di autori, editori e broadcaster e più in generale nel mondo dei media, creando un nuovo paradigma commerciale e di utilizzo: da distribuzione e vendita di beni tangibili a distribuzione e licenza d’uso di beni intangibili ossia ciò che dev’essere commercializzato non deve essere più la copia dell’opera, bensì il diritto d’accesso all’opera stessa. Tali sconvolgimenti, come si vedrà nel I° Capitolo di questa tesi, dopo un breve excursus sulle problematiche anzidette, oltre ad aver conferito ad Internet dignità di supporto alla stregua dei supporti tradizionali, hanno evidenziato da un lato nuove ed interessanti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

copyright
crittografia
digital rights management
dilemma digitale
direttiva 2000/29/ce
dmca
drm
file-sharing
fingerprinting
napster
peer-to-peer
trusted
wipo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi