Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rai Educational: la multimedialità tra industria culturale e servizio pubblico

In questa tesi descriverò, GRAZIE AD INTERVISTE INEDITE, la nuova direzione EDUCATIONAL della Rai, sottolineando come, per la sua creazione, si sia tenuto conto di vari fattori.
Innanzitutto la Rai ha dovuto rispondere al suo impegno di rete statale: dedicare una parte dei suoi programmi alla cultura e all’educazione permanente. Con il passare degli anni la concorrenza con le reti private e un minor bisogno di alfabetizzazione vera e propria ha fatto sì che assolvere alla funzione sociale, come richiesto da statuto, divenisse sempre più difficile.
I meccanismi dell’industria culturale e le leggi di mercato rischiavano e rischiano soffocare la missione educativa della Rai.
RAI EDUCATIONAL è diventata una sfida: nella consapevolezza che la sezione Educational della Rai è relegata in un ruolo di secondo piano nel palinsesto generalista si è cercato, tramite la nuova direzione, di offrire altri spazi alla cultura; un’attenta lettura dei tempi ha portato all’utilizzo dei nuovi media, sia per adeguarsi alle esigenze della società moderna sempre più aperta ai new media, sia perché è risultato chiaro il bisogno di una nuova alfabetizzazione che avvicinasse sempre più persone alle tecnologie in questione.
Il cambiamento dei mezzi su cui il settore Educational ha iniziato a lavorare ha comportato la necessità di mutare anche i metodi di lavoro, i problemi e i vantaggi derivati da questi cambiamenti sono, insieme alla descrizione dei nuovi prodotti che sono nati, argomento di questa tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE In questa tesi descriverò la nuova direzione EDUCATIONAL della Rai, sottolineando come, per la sua creazione, si sia tenuto conto di vari fattori. Innanzitutto la Rai ha dovuto rispondere al suo impegno di rete statale: dedicare una parte dei suoi programmi alla cultura e all’educazione permanente. Con il passare degli anni la concorrenza con le reti private e un minor bisogno di alfabetizzazione vera e propria ha fatto sì che assolvere alla funzione sociale, come richiesto da statuto, divenisse sempre più difficile. I meccanismi dell’industria culturale e le leggi di mercato rischiavano e rischiano soffocare la missione educativa della Rai. RAI EDUCATIONAL è diventata una sfida: nella consapevolezza che la sezione Educational della Rai è relegata in un ruolo di secondo piano nel palinsesto generalista si è cercato, tramite la nuova direzione, di offrire altri spazi alla cultura; un’attenta lettura dei tempi ha portato all’utilizzo dei nuovi media, sia per adeguarsi alle esigenze della società moderna sempre più aperta ai new media, sia perché è risultato chiaro il bisogno di una nuova alfabetizzazione che avvicinasse sempre più persone alle tecnologie in questione. Il cambiamento dei mezzi su cui il settore Educational ha iniziato a lavorare ha comportato la necessità di mutare anche i metodi di lavoro, i problemi e i vantaggi derivati da questi cambiamenti sono, insieme alla descrizione dei nuovi prodotti che sono nati, argomento di questa tesi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessia Carrer Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1217 click dal 05/07/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.