Skip to content

Economia e politica del settore televisivo in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Luca Schiavoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Gianfranco Viesti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

Obiettivo del presente elaborato è quello di tracciare un quadro del settore televisivo italiano, ponendo l'attenzione sulle questioni economiche che ne hanno segnato l'evoluzione, in particolare nel corso degli ultimi anni.
Pertanto sono stati evidenziati i profili concorrenziali, relativamente alla presenza di barriere all'ingresso del mercato ed agli assetti che si sono sin qui consolidati; quelli normativi, con un excursus sulla storia della legislazione italiana; quelli dell'evoluzione tecnologica, con particolare attenzione alle ricadute che essa genera sulla questione della concorrenza e sul pluralismo, inteso come possibilità di accesso all'informazione sia in forma attiva che passiva.
L'analisi è stata condotta considerando le varie tecniche trasmissive, pur tenendo conto delle possibilità di concorrenza tra le diverse piattaforme, anziché optare per una dicotomia tra la televisione gratuita e quella a pagamento. Questa scelta è stata dettata dalla circostanza che, allo stato attuale, la televisione gratuita è sostanzialmente coincidente con quella analogica terrestre, laddove quella a pagamento vede il largo predominio dell'unico operatore in tecnica digitale satellitare, con alcune offerte di IPTV che tendono a replicarne i contenuti, mentre la televisione digitale terrestre rappresenta una realtà “in divenire”, destinata a soppiantare nel corso di alcuni anni quella analogica.
Si è pertanto proceduto a descrivere:
- Lo stato del settore, con attenzione alla struttura dei mercati, individuandone gli anelli della filiera, la struttura delle società che lo compongono, la natura dei ricavi, i livelli di concentrazione delle quote di audience e di raccolta pubblicitaria;
- l'evoluzione legislativa, con particolare attenzione ai limiti antitrust introdotti dalle normative che si sono susseguite, soprattutto in ordine alla normativa vigente ed alla proposta di riforma presentata dall'attuale Governo;
- il ruolo svolto dalla concessionaria di servizio pubblico nel delinearsi degli assetti concorrenziali sin qui maturati, individuando possibili variazioni dei suoi obiettivi;
- il quadro della transizione alla tecnica digitale terrestre, con le possibili prospettive del settore, il suo stato attuale ed i rischi di una prosecuzione del “duopolio analogico” in assenza di interventi legislativi sull'assetto delle reti;
- il “quasi-monopolio” di Sky, piattaforma unica della televisione satellitare, ripercorrendo la storia della fusione degli operatori Stream e Telepiù e le decisioni dell'Antitrust italiano ed europeo sulla questione;
- l'avvento della “IPTV”, che introduce il protocollo internet come tecnica trasmissiva del futuro, e gli scenari dettati dall'affacciarsi di nuove modalità di fruizione dei contenuti televisivi.
- Infine, nell'ultimo capitolo, sono state illustrate alcune proposte, in particolare quelle formulate dall'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, volte a migliorare in maniera “strutturale” gli assetti concorrenziali e la contendibilità del mercato, ed a modificare la natura del servizio pubblico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. Il quadro del settore televisivo italiano 1.1: L'indagine conoscitiva dell'Autorità Garante della Concorrenze e del Mercato: cenni introduttivi Il mercato televisivo italiano, nei suoi due versanti della raccolta pubblicitaria e della fornitura di contenuti, è caratterizzato da una elevata concentrazione, termine col quale si intende l’ammontare di quote di mercato in mano ai principali operatori in rapporto al totale. È tale presupposto fattuale che spinge l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nel maggio 2003, ad aprire una indagine conoscitiva relativa al settore televisivo. Infatti – si legge nel documento che accompagna l’apertura dell’indagine – A fine 2001 la quota dei primi due operatori televisivi nazionali, espressa in termini di quote di telespettatori, era pari a circa il 90%, a fronte del 74% in Francia, del 66% in Germania, del 65% in Gran Bretagna e del 54% in Spagna”¹. È quindi evidente che il livello concorrenziale del mercato televisivo sia ad un livello “non soddisfacente”, caratterizzata da una una struttura di mercato duopolistica, con la presenza di elevate barriere all’ingresso. Tale situazione ha finito col dar vita ad un mercato “poco dinamico e caratterizzato da un basso grado di innovazione”, in cui tuttavia non mancano le condizioni per un futuro di maggiore apertura e competizione: l’opportunità è rappresentata dal passaggio, che sta gradualmente avvenendo, dallo standard analogico alla tecnica di trasmissione digitale. Ma – conclude il documento introduttivo – affinché l’introduzione di tale standard trasmissivo esplichi i propri effetti sul processo concorrenziale del settore televisivo, determinando un incremento del numero degli operatori televisivi nazionali e una più equilibrata distribuzione delle quote di mercato, risultano di cruciale importanza le modalità ed i tempi con cui il settore televisivo, ed in particolare il mercato della raccolta pubblicitaria su mezzo televisivo e quello delle reti per la trasmissione del segnale televisivo, “si apriranno al gioco della concorrenza”. Per queste ragioni, l’Autorità vara la propria indagine sul settore televisivo con particolare riferimento al mercato a monte delle reti per la trasmissione del segnale televisivo, a quello a valle della raccolta pubblicitaria su mezzo televisivo ed agli altri servizi connessi tra i quali figura il mercato della rilevazione degli indici di ascolto televisivo. L’indagine si chiude diciotto mesi più tardi, nel novembre del 2004, dopo aver individuato diversi fattori che fungono da freno al dispiegarsi di un soddisfacente

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi