Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Letture di città. Londra, Parigi e i loro altrove. Le tracce nei film ''My beautiful laundrette'' di Stephen Frears e ''La haine - L'odio'' di Mathieu Kassovitz

la mia tesi si occupa di fornire uno spaccato delle città di Londra e Parigi partendo dalle loro periferie. Per farlo mi sono servito di due film ambientati proprio nelle periferie di queste città: "My beautiful laundrette" di Stephen Frears e "La haine - L'odio" di Mathieu Kassovitz.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 1. INTRODUZIONE Sintetizzando il lavoro della mia tesi con l’espressione “Letture di città”, il mio intento era quello di penetrare una visione della città oltre la superficie della sua riconoscibilità, scovando parti non riconoscibili, frammenti all’apparenza marginali, ma che hanno particolari capacità descrittive del tutto. In questo senso mi sono proposto di offrire una lettura delle città di Londra e Parigi attraverso lo sguardo di alcune loro periferie particolari. La scelta di Londra e Parigi non è incidentale. Si tratta di due città che hanno molto da dire proprio partendo dalle loro periferie. Quando Regno Unito e Francia, dopo essere state le principale propugnatrici di una vasta e assidua politica coloniale, hanno dovuto, intorno alla seconda metà del novecento, affrontare il lento e faticoso processo di decolonizzazione, questo ha mosso interi popoli delle ex colonie (ormai ridotte in povertà dallo sfruttamento coloniale) a cercare una rinascita nelle periferie delle grandi e ricche città degli ex colonizzatori. È grazie al fluire di questo mondo multietnico che, dagli anni ’60 ad oggi, si è progressivamente venuta a creare una nuova dimensione sociale per Londra e Parigi che le racconta in modo completamente nuovo. Per affrontare una lettura di queste due città ho provato a scovare le tracce di uno sguardo inedito in due film ambientati proprio nelle periferie di Londra e Parigi: My Beautiful Laundrette, di Stephen Frears, per la sceneggiatura di Hanif Kureishi, e La Haine – L’Odio, scritto e diretto da Mathieu Kassovitz. Nella scelta di questi due film, sono stato mosso da un dato comune che trovavo particolarmente degno di riflessione: le città in cui sono ambientati sono viste dall’interno di esse con l’occhio estraneo dei loro stessi cittadini. Ci sono una Londra dentro Londra e una Parigi dentro Parigi viste però come “altrove” da esse. “Altrove” perché figlie di una perdurante tradizione colonialista i cui lunghi strascichi di abitudine agli atteggiamenti e alla mentalità razzista si sono proiettati all’interno degli stessi stati e perché gli schemi culturali delle due nazioni hanno faticato e faticano tutt’ora a favorire un processo inclusivo delle minoranze che tenga conto del rapido mutare della società. Gli “altrove” di Londra e Parigi parlano continuamente di loro, sono nelle loro aspirazioni e nei loro rifiuti, le imitano, le rinnovano con la loro vitalità, ne rideterminano i caratteri e i tratti distintivi. Gli “altrove” si fanno volontari o involontari portavoce di una nuova lettura non “ufficiale” delle città, più ricche e contemporanea.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Bilanzone Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1731 click dal 18/07/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.