Skip to content

Il marketing delle società di calcio italiane: confronto con il modello inglese e fattori critici

Informazioni tesi

  Autore: Rosanna Comazzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Elena Chiadò Fiorio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 270

Dopo un lungo periodo di immobilismo, in cui le società di calcio hanno vissuto in un'organizzazione ''patriarcale'' dal punto di vista del proprio operato extra-sportivo, nell'ultimo decennio ha cominciato a manifestarsi la spinta verso il nuovo. Nel 1996 il nostro ordinamento ha recepito la Sentenza Bosman e ha riconosciuto alle società di calcio il fine di lucro. La scomparsa del ''parametro'' (Indennità di promozione e preparazione), che costituiva un tetto massimo al valore di cessione dei giocatori, ha portato alla lievitazione dei costi di ingaggio dei calciatori.
Lo scopo di lucro e l'aumento dei costi hanno spinto i presidenti delle società di calcio italiane, almeno nelle intenzioni, a strutturare più professionalmente le proprie società: il marketing (sino ad ora inutilizzato in un settore, quello sportivo, che il calcio, in Italia, dominava) davanti alla necessità di reperire nuovi fondi, è entrato nelle strutture delle maggiori squadre.
L'esempio è arrivato dall'Inghilterra, soprattutto Manchester United, dove il calcio, in seguito alla tragedia dell'Heysell, dopo un periodo di crisi, è stato riorganizzato in una logica di abbandono dei ricavi legati ai successi sportivi e alla vendita dei giocatori, passando a fonti di ricavo più stabili, legate al brand e a tutto quanto è ad essa collegato.
Se i ricavi da botteghino, sponsorizzazioni e diritti tv/comunicazione presentano poche (anche se significative) differenze tra i due modelli esaminati (inglese ed italiano), un enorme divario si osserva invece prendendo in considerazione il merchandising. Tale voce rimane una grandezza al palo che non viene neanche evidenziata nei bilanci delle società italiane, abitudine che indica la scarsa rilevanza che questa ha sul fatturato. Cause di questa arretratezza sono:
- la legislazione, che solo dal 1996 consente lo scopo di lucro alle società di calcio italiane. Sino ad allora le licenze per produrre beni con il proprio marchio venivano concesse con estrema leggerezza senza curarsi della qualità di quanto immesso sul mercato o del destinatario del prodotto (solo recentemente le squadre hanno cominciato a considerare il tifoso un cliente che, come tutti i consumatori, ha delle necessità di acquisto e hanno cominciato ad interrogarlo sui suoi gusti);
- la distribuzione, che soffre della polverizzazione dei canali distributivi e dell'assenza di un connettore unico dell'offerta;
- il black-market, cioè il mercato dei prodotti non ufficiali che, secondo stime ormai accettate, vale 20 volte almeno quello ufficiale.
Paradossalmente, davanti alla necessità di un approccio più aziendale al mercato, le società di Serie C, che godono di modesti introiti da diritti Tv, botteghino e sponsorizzazioni (praticamente nulli quelli da merchandising) e che quindi maggiormente necessiterebbero di una ristrutturazione manageriale, sono quelle che sono maggiormente restie a questa trasformazione e continuano ad essere gestite in maniera ''patronale'', basandosi sulle amicizie per trovare sponsor e su una comunicazione gestita dai giornalisti locali. Due sono le strade che si prospettano a queste società:
- divenire ''fucine'' di campioni da vendere alle grandi squadre per appianare i conti in rosso, tralasciando sogni gloriosi di ritorno nelle serie maggiori o
- grazie ad un bacino di utenza interessante, lo sviluppo di un modello che ricopia, su scala locale, quanto fatto dalle società di serie A (ciò richiede però una struttura e un personale preparato che poche società sembrano disposte a darsi).
Il modello inglese ci insegna invece che tutte le società, anche delle serie minori, sono strutturate in modo aziendalistico e l'approccio al mercato, cioè la filosofia per cui il tifoso e lo sponsor sono il ''cliente'' da soddisfare, è ormai recepito a tutti i livelli, dal presidente alla hostess che accompagna il ''tifoso'' al suo posto allo stadio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Scopo del mio lavoro vuole essere l’analisi dei “fattori critici” del marketing delle società di calcio italiane e l’individuazione delle possibili soluzioni che possono essere adottate per uscire da una situazione limitante lo sviluppo di tutte quelle attività non direttamente legate alla “prestazione sportiva”: merchandising prima di tutto. Al fine di raggiungere questo obiettivo, nella prima parte del mio elaborato, ho effettuato un confronto tra il modello inglese di sviluppo commerciale dell’attività calcistica e quello italiano. Tutti i dati e le testimonianze raccolte vogliono dimostrare che il primo è senza dubbio vincente per quanto riguarda l’organizzazione “aziendalistica” delle società, mentre il secondo, nonostante i buoni propositi dichiarati dall’ambiente, incontra ancora notevoli difficoltà nella realizzazione di una organizzazione e di una gestione di tipo aziendale. La seconda parte è dedicata all’analisi della realtà commerciale del mondo del calcio italiano e allo studio delle cause della sua arretratezza. Individuati i “fattori critici”, si intendono indicare le soluzioni che i club potrebbero adottare, o che hanno in progetto di sviluppare, al fine di innescare una serie di ricavi che consentirebbero loro di pareggiare i bilanci, sistematicamente in rosso, e di approdare alla Borsa. Si dimostrerà come i maggiori problemi siano riscontrabili nel merchandising e imputabili a difficoltà nella distribuzione, alla presenza di uno sviluppato mercato della contraffazione e all’impossibilità, da parte delle società di gestire gli stadi, di proprietà dei comuni, facendoli divenire centri di sviluppo delle politiche commerciali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi