Skip to content

Analisi della percezione: l'attualità di M. Merleau-Ponty

Informazioni tesi

  Autore: Filomena Talento
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Gabriele Perrotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 97

Analisi della percezione: l’attualità di M. Merleau-Ponty è un lavoro nato dall’esigenza di voler dimostrare che la filosofia, non è fatta, come troppo spesso sembra di un paio di sortilegi verbali. E da questa esigenza è nato un appassionante lavoro di ricerca che ha avuto come punto di riferimento il testo principale di M. Merleau-Ponty: Fenomenologia della Percezione. Tuttavia, l’analisi della Fenomenologia della Percezione non viene prima di un’ampia riflessione condotta su quei pensatori, quei luoghi, quei concetti conosciuti da Merleau-Ponty che sono a fondamento della sua opera e la cui conoscenza è essenziale per addentrarsi nell’analisi e quindi nella comprensione del testo. Il lavoro quindi è sviluppato a partire dalla riflessione intorno al titolo del testo Fenomenologia della Percezione e nasce a partire dalla formulazione di due domande: che cos’è Fenomenologia? Che cos’è Percezione? La risposta a queste domande occupa la parte introduttiva del lavoro con un’ampia riflessione sulla fenomenologia seguita da un’ approfondimento della percezione e delle varie teorie elaborate nel corso della storia: dalla posizione empiristica a quella intellettualistica fino ad arrivare alla svolta radicale segnata dalla psicologia della Gestalt. La parte introduttiva del lavoro si conclude con il riferimento ad uno dei neuroscienziati più conosciuti del ‘900: Francisco Varela con lo scopo di voler sottolineare quanto la fenomenologia abbia segnato una svolta radicale con la quale tanto i filosofi quanto gli scienziati non possono fare a meno di confrontarsi. Il riferimento allo scienziato cileno nasce anche per dimostrare l’attualità del tema che è stato oggetto di studio e di ricerca continua di Merleau-Ponty in tutto il corso della sua vita, ma soprattutto per sottolineare l’importanza di Merleau-Ponty in particolare e del metodo di ricerca fenomenologico in generale che viene indicato come modello di ricerca da seguire non solo dai filosofi, ma anche (come sostiene Varela) dagli scienziati. Il riferimento a Varela è inoltre condotto con lo scopo di evidenziare i punti di contatto che lo avvicinano a Merleau-Ponty. Il primo capitolo che segue la parte introduttiva è volto a dimostrare l’importanza dei temi e delle analisi affrontate nella parte introduttiva al fine di comprendere il testo di Merleau-Ponty. La ricostruzione della posizione intellettualistica e di quella empiristica è fondamentale perché il testo di Merleau-Ponty prende le mosse proprio a partire da una violenta critica nei confronti di empirismo e intellettualismo, pur considerando per molti aspetti la posizione intellettualistica superiore a quella empiristica. Inoltre dopo la trattazione condotta su Husserl, sulla posizione empiristica e su quella intellettualistica seguita dalla psicologia della Gestalt, un ulteriore paragrafo è dedicato al concetto di percezione nel pensiero di H. Bergson. Bergson è, infatti, insieme ad Husserl e ad Heidegger il principale punto di riferimento di Merleau-Ponty. Il primo capitolo si conclude con altri due paragrafi il primo dei quali dedicato all’ambiguità del pensiero merleaupontyano. In effetti le strutture concettuali che stanno a fondamento della speculazione merleau-pontyana saranno, per forza di cose, sempre delle opposizioni a cui il filosofo lavorerà nel corso di tutta la sua vita. All’opposizione, a livello storico-filosofico, tra idealismo e realismo, corrispondono, a livello teorico, una serie di opposizioni come quella tra riflesso e irriflesso, quella tra soggetto e oggetto e via di seguito, con le quali Merleau-Ponty ha a che fare in tutta la sua opera che si presenta, si potrebbe dire, come un continuo tentativo di pensare insieme i termini dell’opposizione. Nell’ultimo paragrafo del primo capitolo ci si addentra nell’analisi della percezione, avendo come testo di riferimento proprio la Fenomenologia della percezione. Nella lunga serie di opposizioni che popolano la teoria filosofica è necessario trovare un punto che possa fare da perno per un loro superamento. Questo punto è per Merleau-Ponty, fin dalle sue prime opere, il corpo. A questo proposito il secondo capitolo del lavoro è dedicato all’analisi della prima parte della Fenomenologia della Percezione e alla riflessione merleaupontyana sul corpo all’interno della quale si inserisce l’originale concezione elaborata da Merleau-Ponty della celebre quanto fortunata categoria heideggeriana: In-der-Welt-sein. L’impegno di Merleau-Ponty è stato appunto quello di dare concretezza a questo concetto di collocazione risolvendone l’astrattezza. E probabilmente l’aver focalizzato questo obiettivo resta il merito fondamentale della Fenomenologia della Percezione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Non credo sia possibile condurre un’analisi su un testo, peraltro capitale, senza attraversare quelle vie che l’autore stesso ha dovuto percorrere prima di poterlo scrivere. Quali sono i luoghi conosciuti da questo pensatore, quali le tematiche che hanno guidato la sua formazione, gli autori che maggiormente l’hanno influenzato, le correnti di pensiero che lo hanno ispirato? Che cosa c’è, dunque, dietro la Fenomenologia della percezione di Merleau-Ponty? Riflettendo sul titolo di questo testo, non solo possiamo comprendere qual è la prospettiva filosofica in cui inquadrare l’opera, ma al tempo stesso possiamo facilmente capire il tema stesso che è oggetto di riflessione e di analisi da parte di Merleau-Ponty. Il titolo del testo è Fenomenologia della percezione. Che cosa è Fenomenologia? Che cosa è Percezione? Iniziamo dalla prima domanda, con cui tra l’altro Merleau-Ponty apre la premessa al testo stesso. “La fenomenologia è lo studio delle essenze, e per essa tutti i problemi consistono nel definire le essenze[…] Ma la fenomenologia è anche una filosofia che ricolloca le essenze nell’esistenza e pensa che non si possa comprendere l’uomo e il mondo se non sulla base della loro <fatticità>” 1 . 1 MERLEAU-PONTY M., Phénoménologie de la perception, Paris, Gallimard, 1945; ed. it., Id., Fenomenologia della percezione, tr. it. di A. Bonomi, Milano, Bompiani, 2003, p. 15.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiguità
anosognosia
arto fantasma
attenzione
bergson
cogito parlato
cogito tacito
corpo
empirismo
essere-nel-mondo
fenomenologia
francisco varela
gelb goldstein
gestalt
heidegger
husserl
illusione müller-lyer
illusione zöllner
intellettualismo
neurologia
percezione
ripresa
sensazione
shneider

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi