Skip to content

Fabrizio De André. Politica e estetica

Informazioni tesi

  Autore: Franco Pietropaoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Michele Prospero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Il lavoro svolto è un’analisi della poetica del cantautore Fabrizio De André. L’incisività politica del messaggio che ha trasmesso tramite le sue canzoni si nasconde dietro ispirazioni, stili e tematiche piuttosto varie, apparentemente distanti tra loro. L’amore libero e carnale, i quartieri malfamati, i Rom, i vangeli, la solitudine, l’antimilitarismo: sono, per De André, tutte espressioni del rapporto tra l’uomo e il mondo. Così, in questo lavoro, sono esaminati i diversi temi trattati dall’artista come argomenti incentrati su un unico soggetto: l’uomo.
I disagi connaturati alla condizione umana possono portare l’individuo ad aggregarsi ad altri suoi simili e a formare associazioni, istituzioni, congreghe, Stati: in questo modo passerebbe in secondo piano il rapporto umano, e si dimenticherebbero sentimenti tipici dell’uomo come la compassione e la solidarietà. De André ritrova questi sentimenti dove lo Stato non arriva: tra gli emarginati. Canta, così (instradato dal suo maestro Georges Brassens), i diseredati, le prostitute, i ladri: è quella la parte della società che, lontana dalle istituzioni, mantiene vivo in sé il sentimento di solidarietà. O, più semplicemente, canta persone che, per scelta o necessità, si ritrovano da sole a difendere la loro diversità e, in tal modo, la loro libertà.
Il contrasto tra l’individuo e il potere è descritto, così, nelle sue diverse manifestazioni: a cominciare dagli amori non “ufficiali” e riconosciuti: quello libertino di Bocca di rosa, osteggiato dall’invidia delle donne di paese, che possono far affidamento sull’autorità costituita; quello giovanissimo di Ho visto Nina volare, minacciato dall’autorità paterna; quello tra un ragazzo ed un’asina in Monti di Mola, rovinato dalla burocrazia; fino alla storia narrata nei vangeli: una donna (Maria) privata della sua infanzia e, poi, della sua maternità dal potere religioso; e un uomo libero (Tito), che a causa della sua indipendenza viene perseguitato.
Altro discorso merita, invece, il punto di vista estetico della trattazione. Sono rarissimi i testi che trattano il rapporto, nella musica leggera contemporanea, tra parole e musica. Così si è preferito partire da capisaldi della filosofia ottocentesca come Hegel e Schopenhauer, prendere in esame la loro concezione di musica e di poesia adattata alla musica, ed infine esporre una considerazione sulla qualità musicale delle parole, caratteristica di rilevante valore al’interno di un discorso sulla canzone, e in particolare sull’opera di Fabrizio De André.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione «Ebbi ben presto abbastanza chiaro che il mio lavoro doveva camminare su due binari: l’ansia per una giustizia sociale che ancora non esiste, e l’illusione di poter partecipare, in qualche modo, a un cambiamento del mondo. La seconda si è sbriciolata ben presto, la prima rimane». 1 Prima di iniziare a scrivere questo lavoro, durante una fase di ricerca e di riflessione, pensavo ai tanti messaggi lasciati da Fabrizio De André per mezzo della sua opera: canzoni che parlano di prostitute e di sante, di assassini e di vittime, di Indiani d’America e di Sardi, di ladroni e di profeti. In una produzione sviluppata in quasi quarant’anni, ispirata dalle ballate provenzali e dalla musica del Mediterraneo, da artisti che vanno da Georges Brassens a Bob Dylan, da François Villon ad Alvaro Mutis, quale sarà il filo conduttore? Cosa portava, ogni volta, De André a impugnare la penna e abbracciare la chitarra? La risposta potrebbe essere rintracciata, in parte, nella citazione sopra riportata: «l’ansia per una giustizia sociale che ancora non esiste, e l’illusione di poter partecipare, in qualche modo, a un cambiamento del mondo» 2 . Ma ciò ancora non è sufficiente. O, perlomeno, non dice niente di nuovo a chi già conosce il cantautore, la sua empatia e il suo interesse per la società. 1 F. De André in C. G. Romana, Amico fragile Fabrizio De André, Sperling & Kupfer, Milano, 2000. 2 Ibidem.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anarchia
anarchici
anarchico
anarchismo
brassens
buona novella
cantautore
canzone
cappellano
de andrè
emarginati
emarginazione
estetica
hegel
lentini
libertà
malatesta
musica
politica
potere
schopenhauer
solitudine
uomo
vangeli apocrifi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi