Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fabrizio De André. Politica e estetica

Il lavoro svolto è un’analisi della poetica del cantautore Fabrizio De André. L’incisività politica del messaggio che ha trasmesso tramite le sue canzoni si nasconde dietro ispirazioni, stili e tematiche piuttosto varie, apparentemente distanti tra loro. L’amore libero e carnale, i quartieri malfamati, i Rom, i vangeli, la solitudine, l’antimilitarismo: sono, per De André, tutte espressioni del rapporto tra l’uomo e il mondo. Così, in questo lavoro, sono esaminati i diversi temi trattati dall’artista come argomenti incentrati su un unico soggetto: l’uomo.
I disagi connaturati alla condizione umana possono portare l’individuo ad aggregarsi ad altri suoi simili e a formare associazioni, istituzioni, congreghe, Stati: in questo modo passerebbe in secondo piano il rapporto umano, e si dimenticherebbero sentimenti tipici dell’uomo come la compassione e la solidarietà. De André ritrova questi sentimenti dove lo Stato non arriva: tra gli emarginati. Canta, così (instradato dal suo maestro Georges Brassens), i diseredati, le prostitute, i ladri: è quella la parte della società che, lontana dalle istituzioni, mantiene vivo in sé il sentimento di solidarietà. O, più semplicemente, canta persone che, per scelta o necessità, si ritrovano da sole a difendere la loro diversità e, in tal modo, la loro libertà.
Il contrasto tra l’individuo e il potere è descritto, così, nelle sue diverse manifestazioni: a cominciare dagli amori non “ufficiali” e riconosciuti: quello libertino di Bocca di rosa, osteggiato dall’invidia delle donne di paese, che possono far affidamento sull’autorità costituita; quello giovanissimo di Ho visto Nina volare, minacciato dall’autorità paterna; quello tra un ragazzo ed un’asina in Monti di Mola, rovinato dalla burocrazia; fino alla storia narrata nei vangeli: una donna (Maria) privata della sua infanzia e, poi, della sua maternità dal potere religioso; e un uomo libero (Tito), che a causa della sua indipendenza viene perseguitato.
Altro discorso merita, invece, il punto di vista estetico della trattazione. Sono rarissimi i testi che trattano il rapporto, nella musica leggera contemporanea, tra parole e musica. Così si è preferito partire da capisaldi della filosofia ottocentesca come Hegel e Schopenhauer, prendere in esame la loro concezione di musica e di poesia adattata alla musica, ed infine esporre una considerazione sulla qualità musicale delle parole, caratteristica di rilevante valore al’interno di un discorso sulla canzone, e in particolare sull’opera di Fabrizio De André.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione «Ebbi ben presto abbastanza chiaro che il mio lavoro doveva camminare su due binari: l’ansia per una giustizia sociale che ancora non esiste, e l’illusione di poter partecipare, in qualche modo, a un cambiamento del mondo. La seconda si è sbriciolata ben presto, la prima rimane». 1 Prima di iniziare a scrivere questo lavoro, durante una fase di ricerca e di riflessione, pensavo ai tanti messaggi lasciati da Fabrizio De André per mezzo della sua opera: canzoni che parlano di prostitute e di sante, di assassini e di vittime, di Indiani d’America e di Sardi, di ladroni e di profeti. In una produzione sviluppata in quasi quarant’anni, ispirata dalle ballate provenzali e dalla musica del Mediterraneo, da artisti che vanno da Georges Brassens a Bob Dylan, da François Villon ad Alvaro Mutis, quale sarà il filo conduttore? Cosa portava, ogni volta, De André a impugnare la penna e abbracciare la chitarra? La risposta potrebbe essere rintracciata, in parte, nella citazione sopra riportata: «l’ansia per una giustizia sociale che ancora non esiste, e l’illusione di poter partecipare, in qualche modo, a un cambiamento del mondo» 2 . Ma ciò ancora non è sufficiente. O, perlomeno, non dice niente di nuovo a chi già conosce il cantautore, la sua empatia e il suo interesse per la società. 1 F. De André in C. G. Romana, Amico fragile Fabrizio De André, Sperling & Kupfer, Milano, 2000. 2 Ibidem.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Franco Pietropaoli Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11651 click dal 18/07/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.