Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuovo algoritmo di apprendimento automatico di sequenze senso-motorie

Questa tesi analizza e ingegnerizza una teoria di Piaget sull'evoluzione dell'intelligenza nei primi anni di un neonato, il risultato è un algoritmo di apprendimento di sequenze con risultati migliori rispetto a Q-Larning, genetici e altri...

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Sin dalla sua nascita l'Intelligenza Artificiale si è sempre definita come area multidisciplinare, in cui due delle componenti fondamentali sono la scienza dell'informazione da una parte e la scienza cognitiva, con particolare riferimento alla psicologia cognitiva, dall'altra. Negli oltre 40 anni di storia dell'IA, i legami con la psicologia cognitiva sono stati intensi e bidirezionali. L'IA ha contribuito alle ricerche cognitive soprattutto attraverso l'offerta di tecnologie e metodologie di analisi e verifica. Dalla ricerca psicologica c'è stato un travaso in campo informatico di molti, efficaci modelli; ricordiamo qui solamente le regole di produzione (Quillian, 1968), le reti semantiche (Minsky, 1975), le reti neurali multistrato (Rumelhat, McClelland, 1966), gli alberi sinottici (Chomsky, 1959), i GPA (Simon, 1972) ecc. Questo contributo è stato così profondo da far sì che raramente si sia sviluppato un settore dell'IA che, almeno inizialmente, non dichiarasse di avere dei presupposti cognitivi. Mentre però, molti di questi settori hanno effettivamente beneficato di questa interdisciplinarietà, alcuni non sono stati in grado di sviluppare alcun riferimento cognitivo reale (si veda ad esempio la fisica qualitativa, Hayes,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Nico Broccoli Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1557 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.