Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contagio psichico nelle famiglie con un figlio disabile mentale

L'argomento della tesi verte sul poetr comprendere se con qquali modalità sia possibile parlare di "contagio psichico" applicato all'ambito della disabilità mentale. Nel primo capitolo si approfondisce l'origine storica ed il significato del contagio psichico.Nel secondo si prendono in analisi le dinamiche familiari che scaturiscono alla nascita di un bambino disabile. Il terzo ed il quarto individuano alcune strade possibile per ridurre i rischi dell'innescarsi di tale contagio: la psicoterapia, i gruppi di mutuo- aiuto ed il Parent-trainig.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO PRIMO “Contagio pscichico e handicap mentale” 1.1 Contagio psichico e handicap mentale L’argomento centrale della tesi di seguito elaborata e sviluppata riguarda la possibilità dell’innescarsi di un “contagio psichico” in quei nuclei familiari in cui uno dei figli presenti una disabilità mentale. In ambito psicanalitico e psicoterapeutico è infatti riconosciuta e dimostrata l’esistenza e la consistenza di tale dinamica in coloro che per parentela, legame affettivo o professionale vivono in contatto con la sofferenza mentale ed, in particolare modo, con la psicosi. Nell’approcciare tale tematica si intende capire se e con quali modalità sia corretto parlare di “contagio psichico” anche in riferimento all’handicap mentale. L’interesse per tale ipotesi nasce dall’aver osservato come in alcune famiglie aventi al loro interno un figlio con una disabilità mentale alcune distorsioni e alcune stereotipie del bambino si riscontrassero anche negli altri membri del medesimo nucleo familiare. Si è ritenuto necessario fermarsi ad approfondire in questo primo capitolo il significato e la matrice teorica alla base dei due nuclei concettuali attorno ai quali ruota la riflessione: il contagio psichico e l’handicap mentale. Si è cercato di ricostruire l’excursus storico che ha portato alla nascita prima di tutto del concetto di “contagio psichico” che, introdotto in campo psicanalitico da Jung (1946) all'interno delle sue riflessioni sulle induzioni psicotiche, ha offerto la possibilità e lo stimolo per ricercare altre forme di "contaminazione" emotiva, tra cui l'empatia e il "contagio emotivo". Inizialmente il “contagio psichico” e il "contagio emotivo" sono stati riconosciuti e ricondotti solamente a casi di persone affette da psicosi. Successivamente molti

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Angela Giordano Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3710 click dal 20/07/2007.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.