Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nascita della società delle nazioni alla conferenza di pace di Parigi

Questa tesi si pone l’obiettivo di analizzare i negoziati relativi all’istituzione della Società delle Nazioni, primo organismo politico internazionale nato come parte integrante del trattato di pace con la Germania, nonché i rapporti tra Woodrow Wilson e Vittorio Emanuele Orlando. A questo fine, ho esaminato soprattutto la prima fase dei negoziati di pace, quando cioè gli statisti dei maggiori Paesi europei giunti alla Conferenza di Pace, svoltasi a Parigi nel 1919 , si trovarono ad affrontare un compito di eccezionale difficoltà.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Questa tesi si pone l’obiettivo di analizzare i negoziati relativi all’istituzione della Società delle Nazioni, primo organismo politico internazionale nato come parte integrante del trattato di pace con la Germania, nonché i rapporti tra Woodrow Wilson e Vittorio Emanuele Orlando. A questo fine, ho esaminato soprattutto la prima fase dei negoziati di pace, quando cioè gli statisti dei maggiori Paesi europei giunti alla Conferenza di Pace, svoltasi a Parigi nel 1919 1 , si trovarono ad affrontare un compito di eccezionale difficoltà. Quattro anni di guerra 2 avevano infatti scosso profondamente la fiducia dell’Europa nelle proprie capacità che l’avevano portata nel corso dei secoli a dominare il pianeta. Il vecchio continente era stato teatro di una guerra che ne aveva cambiato profondamente confini e sistemi politici; erano crollati contemporaneamente ben quattro imperi (tedesco 3 , austro-ungarico 4 , turco 5 e russo 6 ) e si erano formati nuovi Stati 7 desiderosi di far prevalere le proprie richieste alla conferenza. 1 In realtà la Conferenza di pace durò più a lungo protraendosi fino al 1920, ma i mesi che contarono furono i primi sei in cui vennero prese le decisioni chiave e fu messa in moto una concatenazione di eventi di importanza decisiva. 2 La Prima Guerra mondiale scoppiata il 28 luglio 1914, in seguito all’attentato di Sarajevo del 28 giugno in cui rimase ucciso l’erede al trono d’Austria, l’arciduca Francesco Ferdinando e sua moglie, terminò l’11 novembre del 1918 (giorno in cui i delegati del governo provvisorio tedesco firmarono l’armistizio nel villaggio francese di Rethondes). Nello stesso villaggio e nello stesso vagone ferroviario il 22 giugno 1940, all’inizio cioè della seconda guerra mondiale, saranno i francesi a dover firmare l’armistizio. 3 Con la firma dell’armistizio la Germania dovette ritirare le truppe al di qua del Reno e in più si vide annullare i trattati firmati antecedentemente con Russia e Romania. Henry Bogdan, Storia dei paesi dell’Est, SEI, Torino, 2006, pag. 223. 4 L’Austria-Ungheria si stava già disintegrando prima del 1914 e la Grande Guerra non aveva fatto altro che accelerare tale processo. Polacchi, sloveni, cechi, slovacchi e croati erano tutti fuggiti verso i rispettivi paesi, mentre l’Ungheria aveva ottenuto l’indipendenza. Henry Bogdan, op. cit. pag. 203-206. 5 I territori arabi, dalla Mesopotamia alla Palestina, dalla Siria alla penisola araba, erano riusciti ad ottenere l’indipendenza mentre sul lato orientale del Mar Nero i popoli sudditi – armeni, georgiani, azerbaigiani, curdi – lottavano per creare nuovi Stati ai confini con la Russia. 6 In seguito alla Rivoluzione del 6-7 Novembre 1917 (24-25 ottobre secondo il calendario russo) la Russia uscì dal conflitto firmando a Brest-Litovsk (3 marzo 1918) un trattato con cui rinunciava a gran parte dei territori europei e che fu di grandissima importanza nel determinare, alla fine della guerra, l’indipendenza di Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia. 7 La Polonia, la Finlandia, le Repubbliche baltiche, la Cecoslovacchia e i piccoli Stati dell’Europa orientale che avevano combattuto accanto all’intesa, la Serbia e la Romania.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Luca Vittadello Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2155 click dal 30/07/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.