Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

RFid - Gli sviluppi della tecnologia - I problemi di implementazione

E' ormai da alcuni anni che sentiamo parlare di "radar for everyday products", di "silent commerce", di "internet delle cose" oppure di "intelligenza distribuita", ma solo nell'ultimo periodo queste parole hanno avuto un risvolto pratico, sono concretamente attuabili grazie ad una tecnologia ben conosciuta e certamente non nuova, ma che solo ultimamente è stata utilizzata per scopi "civili" su larga scala.

Stiamo parlando della tecnologia RFid (Radio-frequency identification).
Tale tecnologia si inserisce in un insieme di tecnologie accomunate da una caratteristica fondamentale che le sta portando alla ribalta in diversi tipi di applicazioni e contesti, dall'uso in uffici e dipartimenti a cantieri e industrie: la comunicazione "senza fili", wireless.

Oggi parlare di wireless significa parlare di mobilità, dinamicità, flessibilità e quindi capacità di sviluppo e ottimizzazione di processi produttivi e non solo.
La mancanza di limiti fisici dovuta alla morfologia dell'ambito lavorativo non è più un ostacolo, non serve perdere tempo spostandosi e collegando fisicamente sistemi ed infrastrutture informatiche all'interno dell'ambiente di lavoro.

L'RFid non è altro che un sistema che sfrutta tre elementi interconnessi fra loro, un elaboratore, dove acquisire e processare i dati che vengono letti da una antenna che legge a determinate frequenze, spesso i due sono combinati formado uno strumento chiamato "reader", lettore.

Infine ci sono i chip, innestati in pallet e colli, per ora, ma che possono essere inglobati nei prodotti stessi e funzionano da "etichette intelligenti", che possono contenere molti più dati dei tradizionali codici a barre e possono avere diverse funzioni aggiuntive, come vedremo...

Mostra/Nascondi contenuto.
RFid - Gli sviluppi della tecnologia - I problemi di implementazione 1 Contesto tecnologico L'RFid è un qualcosa che dal punto di vista dei fondamenti tecnologici è relativamente antico, con circa cinquant'anni di storia, ma solo negli ultimi anni se ne sono viste applicazioni effettive su larga scala , e finalmente, solo negli ultimi sette - otto mesi, tutto ha avuto una accelerata pazzesca, perchè l'industria ha cominciato a recepire questa innovazione. Wal-Mart, il più grosso retailer del mondo, un fatturato pari al PIL di un Paese sudamericano, ha imposto ai suoi fornitori di etichettare i propri prodotti con tag entro il 2006, e lo stesso discorso l'ha fatto l'Esercito degli Stati Uniti, altro buyer non indifferente. Nel capitolo cercheremo di presentare l'argomento attraverso una visione globale e non certo dettagliata della tecnologia RFid: innanzitutto cercheremo di inserirla in un contesto più ampio riguardante le tecnologie “wireless” (Sez. 1.1) per poi procedere ad una rapida discussione riguardante le applicazioni RFid.. Infine cercheremo di capire quali siano i principi di funzionamento della tecnologia. 1.1 Panoramica sulle reti wireless La tecnologia wireless ("senza fili”) non è certo una novità dell'ultimo periodo perchè ne è passato di tempo dal 1997 quando venne introdotto il 9

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Daniele Munarin Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2792 click dal 31/07/2007.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.