Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione interna come fattore strategico di successo. Il caso Maxdesign: l'importanza della leadership

Soddisfare il cliente, è a questo che tutte le aziende mirano.
Ma a quale cliente si riferiscono le aziende?
La risposta può essere scontata, il cliente è colui che acquista i beni o i servizi dell’azienda.
È su di lui che si concentrano le ricerche di marketing che cercano di coglierne i bisogni o indurne di nuovi attraverso campagne promozionali, sono quei soggetti che sono studiati e classificati per età, sesso, grado di istruzione, provenienza, esigenze, al fine di ottenere un modello semplificatore della realtà che cerca di incasellare i clienti trovando delle caratteristiche di comportamento comuni al fine di studiare le azioni più efficaci per creare relazioni durature con i clienti attivi o potenziali.
Ma nonostante tutte le azioni di marketing e di relazioni pubbliche è risaputo che è nei primi 5 minuti di contatto del cliente con l’azienda che si gioca la credibilità, la serietà e la simpatia verso quest’ultima.
Dare una buona impressione al cliente fin dal primo istante è importantissimo, basta veramente un attimo a rovinare il rapporto con il cliente mentre ci vuole molto tempo per ricostruirlo e riottenerne la fiducia.
Le persone che lavorano in azienda ogni giorno si devono relazionare con tantissimi interlocutori esterni ed è di questo pubblico esterno che la maggior parte della letteratura in campo aziendale si occupa.
Come gestire le relazioni esterne, come fare colpo sul cliente, come fidelizzarlo, come comportarsi in caso di errori da parte dell’azienda, cosa dire e come dirlo, sempre mettendo al centro dell’attenzione il cliente esterno: l’acquirente .
Ma come fa il dipendente o il collaboratore dell’azienda a trasmettere dei messaggi positivi su prodotti e sull’azienda?
La risposta nasce dall’interno dell’azienda stessa.
I collaboratori dell’azienda sono in relazione con i clienti esterni e quindi inseriti a pieno titolo nel sistema di relazioni di marketing.
Un dipendente o un collaboratore soddisfatto del suo lavoro, appagato, realizzato, spronato a dare il meglio in un clima aziendale favorevole, in un’azienda dove ognuno ha il suo spazio, la propria possibilità di cresce, dove si sente parte di un team, sarà sicuramente portatore di un messaggio positivo dell’azienda verso l’esterno, una pubblicità che non ha prezzo.
Il cliente esterno riesce a percepire il clima aziendale anche semplicemente dal contatto telefonico.
Riuscire ad ottenere questo tipo di dipendente è una sfida, è un investimento di risorse, è una strategia di marketing interno dalla quale partire per poi rivolgersi all’esterno.
La comunicazione interna ha quindi un ruolo cruciale nell’azienda e diventa base per lo sviluppo delle azioni verso l’esterno.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione “Tutto è comunicazione”, ogni gesto, ogni sguardo, ogni sorriso, ogni silenzio è comunicazione. L’uomo comunica da sempre, nella sua storia il modo di comunicare si è via via affinato, esistono linguaggi settoriali, esistono coinè dialettali, lingue di substrato e lingue speciali ed esistono varie modalità di trasmissione dei messaggi che cambiano in base al tempo, allo spazio e allo scopo del mittente. La comunicazione può passare attraverso i segni, i simboli, i gesti, può essere scritta su carta o su formato elettronico. Qualunque sia il canale sul quale passa il messaggio, la comunicazione, serve ad arricchire le persone. Attraverso le parole si trasmette conoscenza. Ogni attività, come ogni singola azione potrebbe essere riconducibile in origine alla comunicazione, senza comunicazione non si potrebbe creare nulla. Le aziende si fondano sulla comunicazione. Comunicare un progetto, renderne gli altri partecipi ha fatto sorgere grandi imprese. Negli uffici c’è un gran via vai di persone, le attività sono frenetiche, le ambizioni e gli obiettivi molti, ogni volta che un telefono squilla c’è qualcuno che necessita informazioni, spiegazioni e delucidazioni, a volte sui prodotti, a volte sulle condizioni di vendita altre sui pagamenti, ogni reparto dell’azienda ha le sue richieste, i suoi clienti, ogni cliente esigenze diverse da soddisfare. Soddisfare il cliente, è a questo che tutte le aziende mirano. Ma a quale cliente si riferiscono le aziende? La risposta può essere scontata, il cliente è colui che acquista i beni o i servizi dell’azienda. È su di lui che si concentrano le ricerche di marketing che cercano di coglierne i bisogni o indurne di nuovi attraverso campagne promozionali, sono quei soggetti che sono studiati e classificati per età, sesso, grado di istruzione, provenienza, esigenze, al fine di ottenere un modello semplificatore della realtà che cerca di incasellare i clienti trovando delle

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Stefania Fabio Contatta »

Composta da 78 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2551 click dal 03/08/2007.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.