Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il settore ferroviario italiano

Oggetto della seguente tesi è lo studio del settore ferroviario italiano sulla base di casi aziendali.

Il lavoro è suddiviso in quattro capitoli.

Il primo capitolo è incentrato sull’analisi dell’industria ferroviaria italiana. Viene data una definizione di materiale rotabile e una possibile classificazione dei prodotti sulla base delle caratteristiche tecnologiche e del livello innovativo che li contraddistingue. Vengono descritti poi i mutamenti in atto nell’industria nazionale sia dal punto di vista della domanda che dell’offerta.

Nel secondo e nel terzo capitolo sono presentati i casi aziendali. Le aziende esaminate sono l’Ansaldobreda, leader nazionale, e gli altri tre principali players ossia Firema Trasporti, Keller Elettromeccanica e Fervet. Di queste aziende è analizzata la storia, la produzione, il mercato di riferimento e la gestione sulla base dei documenti di bilancio relativi agli ultimi quattro esercizi commerciali.

Nell’ultimo capitolo è effettuata un’analisi SWOT del settore sulla base dell’analisi di bilancio delle sopraccitate aziende finalizzata ad individuare i punti di forza e di debolezza delle società, nonché le minacce e le opportunità del mercato.

I risultati dell’Analisi SWOT possono essere sintetizzati nei seguenti punti:
- Il mercato ferroviario sia nazionale che internazionale è in forte crescita. L’espansione è legata sia a ragioni di carattere normativo (liberalizzazione dei trasporti, politiche orientate alla riduzione della congestione stradale e dell’inquinamento) sia alla effettiva crescita di mercati i cui investimenti in infrastrutture fanno prevedere un corrispondente aumento della domanda di materiale rotabile (es. il mercato asiatico).
- La minaccia principale per l’industria italiana è rappresentata dai principali ‘competitors’ a livello mondiale (Bombardier, Alstom e Siemens) che hanno avviato già da tempo un piano di ristrutturazione economica volto a rendere più efficienti i sistemi di produzione. Per essere più competitive tali aziende stanno delocalizzando le attività produttive in paesi a più basso costo di manodopera;
- I players del settore ferroviario Italiano (AnsaldoBreda, Firema Trasporti, Keller Elettromeccanica, Fervet) non sono riusciti ad approfittare a pieno di tale crescita: gli indici di bilancio relativi agli ultimi quattro esercizi offrono una scenario piuttosto negativo.
- L’azienda leader, AnsaldoBreda, che dovrebbe trainare il settore è quella che presenta i problemi più gravi.
Dall’analisi SWOT emerge inoltre che i problemi principali che coinvolgono tutte le aziende esaminate sono:
- Bassa produttività
- Inefficienza
- Forte indebitamento finanziario.
Un altro aspetto importante che emerge dall’analisi è che le aziende italiane del settore ferroviario non operano disgiuntamente le une rispetto alle altre ma sviluppano un vero e proprio network che si concretizza nella forma di accordi temporanei e consorzi finalizzati a:
- razionalizzare le risorse e rendere più efficiente la produzione
- difendere il mercato italiano dalla concorrenza estera.
Per superare i problemi che indeboliscono la rete produttiva nazionale vengono proposte quindi delle linee strategiche orientate, nella giusta misura, a tutto il settore.

Mostra/Nascondi contenuto.
7INTRODUZIONE Oggetto della seguente tesi è l’analisi del settore ferroviario italiano. Lo studio è organizzato in quattro capitoli. Nel primo capitolo analizzeremo la struttura dell’industria ferroviaria italiana passando attraverso la definizione di materiale rotabile, e descrivendo i cambiamenti verificatisi in seno al settore negli ultimi decenni fino ad oggi, sia dal punto di vista della domanda che dell’offerta. Nel secondo capitolo studieremo i casi aziendali relativi alle tre principali concorrenti italiane dell’AnsaldoBreda, impresa leader nel settore nazionale nella progettazione e realizzazione di materiale ferroviario. Di queste aziende sarà analizzata la storia, la produzione, il mercato di riferimento e la gestione sulla base dei risultati desumibili dai bilanci relativi agli ultimi quattro esercizi. Il terzo capitolo, strutturato secondo lo schema seguito nel capitolo precedente, è incentrato sullo studio dell’AnsaldoBreda, e del gruppo Finmeccanica di cui la suddetta azienda fa parte. Il quarto capitolo invece riguarda l’analisi del settore italiano sulla base dei risultati finanziari che emergono dallo studio dei casi aziendali e che qui vengono opportunamente confrontati ed elaborati. Saranno esaminati quindi, secondo una approccio SWOT, i punti di forza e di debolezza di queste aziende nonché le opportunità e le minacce del mercato. Verranno poi proposte le linee strategiche da seguire per rilanciare il settore nel mercato mondiale.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Francesco Massimo Agovino Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6648 click dal 06/08/2007.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.