Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Web Credibility: nuove frontiere persuasive al tempo di Internet

Oggi il successo della maggior parte dei siti Internet dipende senza dubbio da come gli utenti ne percepiscono la credibilità.

La comunicazione attraverso un sito Internet è per lo più a senso unico, se grazie ad esso la compagnia viene percepita come poco credibile, l’ utente lo abbandonerà immediatamente, senza lasciare ad essa la possibilità di difendersi e controbattere.

La credibilità gioca quindi un ruolo importante giacché proprio essa è una delle variabili che segnano i confini della capacità di persuadere di una fonte e, nel nostro caso, di un sito Web.

La credibilità online sembra inoltre essere un problema a due facce:

Dal punto di vista degli utenti, la capacità di valutare correttamente la credibilità di un sito consente di evitare molti dei rischi collegati all'utilizzo di informazioni reperite on line per decidere l'acquisto di beni e servizi o che concorrono alla formulazioni di decisioni importanti che possono riguardare temi fondamentali quali la salute o i risparmi della famiglia.

Dal punto di vista dei progettisti, riuscire incrementare la propria credibilità, e quindi la propria capacità di essere convincenti, può risultare un arma fondamentale per il raggiungimento di propri obiettivi in un contesto che si fa ogni giorno sempre più ostico e competitivo.

Nel corso della nostra discussione cercheremo di analizzare il problema da entrambi i punti di vista, tenendo sempre conto del contesto di comunicazione che in Internet presenta problematiche del tutto nuove e strettamente legate alla sua architettura di base.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PARTE PRIMA : LA “WEB CREDIBILITY” Introduzione 0.1 – Internet e il problema della credibilità Internet ed in particolare il Web, rappresentano oramai una grandissima opportunità. Grazie ad essi oggi è possibile accedere facilmente e senza grossi sforzi, ad una enorme quantità di informazioni appartenenti ai più svariati generi: notizie, offerte commerciali, servizi al cittadino, ricerche scientifiche, opinioni, ecc... Si stima che attualmente ci siano 35 milioni di siti Internet destinati a diventare 150 milioni entro il 2014. Per avere un idea dell’ ordine di grandezza del fenomeno basti pensare al fatto che da qualche tempo il numero di documenti disponibili ed indicizzati dai motori di ricerca ha superato quello della popolazione mondiale. Parallelamente alla sua crescita fisica, il Web è sempre più utilizzato e sta diventando una fonte di informazione sempre più importante nella nostra società. Secondo una recente ricerca, Internet è la fonte primaria di informazione per la popolazione americana 1 e ben il 54% dei navigatori italiani ricerca in Rete schede tecniche ed offerte commerciali. 2 Il Web rappresenta concretamente una fonte di informazione dalle enormi potenzialità e capacità. Ma “non è tutto oro quello che luccica”. Fra milioni di siti Web non è sempre facile trovare quello più utile al proprio obiettivo ed alle proprie ricerche. La maggior parte delle informazioni che provengono dalla Rete spesso fanno sorgere il dubbio circa la loro attendibilità, rendendone difficile l’utilizzo e a volte anche la sola citazione. 1 Pew Internet & American Life Project. Sito Web: www.pewinternet.org 2 “Rapporto tra gli italiani e i motori di ricerca online”. Sito Web: www.nextplora.com

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lorenzo Giuntini Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2624 click dal 06/08/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.