Skip to content

Gli strumenti di Pianificazione e Controllo nelle banche

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Staforte
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione Finanza e Controllo
  Relatore: Massimo Ciambotti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Negli ultimi 15-20 anni, l’attività bancaria ha mutato forma e sostanza, assumendo sempre più una veste imprenditoriale fino ad allora pressoché sconosciuta; la necessità di effettuare precise scelte strategiche, i nuovi rischi che ciò comporta, le pressioni concorrenziali sempre più accentuate, nonché il nuovo fabbisogno informativo necessario a monitorare e gestire le variabili chiave della performance, hanno fatto orientare anche le banche italiane verso una maggiore attenzione ai temi del controllo, anche se, allo stato attuale, le aziende di credito scontano ancora un certo gap rispetto al settore industriale. L’oggetto di questo studio sarà l’approfondimento del tema “programmazione e controllo nelle banche italiane” e sarà articolato in quattro capitoli:
1. l’attività di pianificazione e controllo: alcuni fondamenti teorici;
2. il settore bancario: una panoramica sui fattori normativi e culturali;
3. la pianificazione e controllo nelle banche italiane: lo stato dell’arte;
4. le prospettive future: la logica della creazione del valore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’oggetto di questo studio sarà l’approfondimento del tema “programmazione e controllo nelle banche italiane”, argomento divenuto oggi centrale in contesti sempre più competitivi e turbolenti, ma che nelle banche italiane non sembrera aver incontrato, ancora, l’attenzione che invece meriterebbe. Nelle aziende industriali, da sempre abituate a confrontarsi con i mercati e la concorrenza, tali pratiche sono seguite con maggior attenzione e sistematicità, rifacendosi spesso ai modelli proposti dalla voluminosa letteratura esistente sull’argomento. Negli ultimi 15-20 anni, l’attività bancaria ha mutato forma e sostanza, assumendo sempre più una veste imprenditoriale fino ad allora pressoché sconosciuta; la necessità di effettuare precise scelte strategiche, i nuovi rischi che ciò comporta, le pressioni concorrenziali sempre più accentuate, nonché il nuovo fabbisogno informativo necessario a monitorare e gestire le variabili chiave della performance, hanno fatto orientare anche le banche italiane verso una maggiore attenzione ai temi del controllo, anche se, allo stato attuale, le aziende di credito scontano ancora un certo gap rispetto al settore industriale. Senza voler anticipare ulteriormente i temi trattati, si espone di seguito l’articolazione seguita nel presente studio, che sarà suddiviso in quattro capitoli: 1. l’attività di pianificazione e controllo: alcuni fondamenti teorici; 2. il settore bancario: una panoramica sui fattori normativi e culturali; 3. la pianificazione e controllo nelle banche italiane: lo stato dell’arte; 4. le prospettive future: la logica della creazione del valore. Per una corretta comprensione dell’utilità di tali sistemi nella gestione bancaria moderna, sembra indispensabile proporre, innanzitutto, una rappresentazione, seppur sommaria, delle principali correnti di pensiero che hanno interessato la materia. Pertanto, sebbene vincolato da rigorosi limiti di sintesi, il primo capitolo avrà ad oggetto un rapido excursus della principale letteratura internazionale sui fondamenti teorici della pianificazione e controllo. Nel secondo capitolo, si esporrà, altrettanto sinteticamente, l’evoluzione del quadro normativo che, dagli anni ’30 in poi, ha accompagnato, vincolato e determinato l’agire delle banche italiane, con le conseguenze che ciò ha avuto sul mercato bancario, sulla concorrenza, sulle strategie delle aziende di credito, nonché sui loro assetti organizzativi e gestionali. Si vedrà, inoltre, come tale processo abbia determinato il formarsi di una particolare cultura, ormai propria di gran parte dell’attuale management bancario; il forte radicamento di tale cultura sembrerebbe essere uno tra i principali vincoli che impediscono l’evoluzione dei sistemi di pianificazione e controllo verso logiche più moderne. Nel terzo capitolo, si esamineranno dapprima le principali implicazioni indotte dal processo di deregulation avutosi con l’entrata in vigore della nuova normativa bancaria (D.lg. 385/93, noto come Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia), il conseguente problema strategico che ciò ha determinato e la necessità, avvertita dalle banche italiane, di dotarsi di idonei sistemi di pianificazione e controllo per affrontare tali cambiamenti. Si procederà, quindi, ad una sorta di censimento dei sistemi di pianificazione e controllo tradizionalmente utilizzati dalle banche italiane, nonché le loro principali evoluzioni. Il quarto ed ultimo capitolo sarà invece dedicato alla presentazione di alcune più moderne tecniche di programmazione e controllo, che si rifanno alla logica della “creazione del valore”. Si vedrà che i sistemi tradizionali presentano ormai segni di inadeguatezza di fronte alle sempre più impegnative sfide che il mercato impone. Affrontando, invece, il problema da un punto di vista diverso, ossia dalla presa di coscienza di una diversa ragion d’essere dell’impresa bancaria 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

activity based costing
activity based management
balanced scorecard
banca
banche
controllo
creazione del valore
customer satisfaction
gestione
p&c
performance
pianificazione
pianificazione & controllo
pianificazione e controllo
programmazione
programmazione & controllo
programmazione e controllo
stakeholder
strumenti
tableau de bord
valore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi