Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Da Platinette a Brokeback Mountain - Strategie mediatiche di evoluzione delle tematiche di gender nella contemporaneità

DA PLATINETTE A “ BROKEBACK MOUNTAIN ”

Dopo aver approfondito la definizione di gender, l’analisi, si è inizialmente ispirata a Lo schermo velato di Vito Russo, uno dei testi più esemplificativi per ciò che concerne la storia delle tematiche di gender nel cinema dagli albori fino agli anni Ottanta. Parafrasando il titolo del libro, possiamo oggi affermare che attualmente lo schermo si è ampiamente “svelato” rispetto a queste tematiche. Successivamente, dal secondo capitolo in poi, si è focalizzata l’attenzione sulle strategie mediatiche in atto nella contemporaneità, nel cinema e nella televisione, di evoluzione delle tematiche di gender. Analizzando film, serie televisive e festival dedicati alle tematiche glbt (gay, lesbiche, bisessuali, transgender), si è posto l’accento sulle motivazioni che hanno spinto a quest’interesse crescente da parte dei media. Se da un lato quest’attenzione verso il “mondo queer” contribuisce comunque a uno sviluppo e ad un’evoluzione della società rispetto a questi temi, dall’altro ci si è chiesto quante opere trattino questi argomenti in maniera realmente evolutiva e quante altre, invece, siano ricche di stereotipi, perché attente ad assumere i toni accattivanti di intrattenimento e di imbonimento di massa.
Indubbiamente una spinta notevole a questo rilancio delle tematiche di gender proviene dall’ottima qualità di alcuni di questi film, riconosciuta anche dalla critica ufficiale che li riempie di premi, ma anche dai cambiamenti sociali che hanno messo all’ordine del giorno problemi come le unioni gay, la lotta all’omofobia e alle discriminazioni. Il cinema si regge sul mercato e il mercato è fatto dalla gente comune che oggi abbandona sempre più pregiudizi e preconcetti sull’omosessualità, percependola invece come una ricchezza ed un’opportunità in più, da gustare, perchè no, anche al cinema e in televisione.
In conclusione, nel sesto e ultimo capitolo ci si è interrogati sul fatto che se le tematiche di gender hanno dovuto combattere quasi un secolo per uscire dall’anonimato, riuscendo ad uscire da una cinematografia queer relegata in festival di settore ma che non vedeva quasi mai la luce sugli schermi cinematografici; e se, per vari fattori - sociali, culturali, politici e industriali - queste tematiche sono riuscite finalmente ad entrare nelle case del telespettatore medio e sugli schermi cinematografici di quasi tutto il mondo, perché allora rinchiudersi in quello che Roberto Schinardi definisce “cinema di gender”, anziché uscire, mescolandosi a tutti gli altri generi, rendendosi evidenti per quello che realmente sono: delle tematiche normali e uguali a tutte le altre tematiche rappresentabili?

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’elaborato tratta le strategie mediatiche in atto nella contemporaneità che apportano un’evoluzione alle tematiche di gender. Gli studi di genere o gender studies, come vengono chiamati nel mondo anglosassone, rappresentano un approccio multidisciplinare e interdisciplinare allo studio dei significati socio- culturali della sessualità. Nati in Nord America a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta nell’ambito degli studi culturali, si diffondono in Europa Occidentale negli anni Ottanta. Si sviluppano a partire da un certo filone del pensiero femminista e trovano spunti fondamentali nel poststrutturalismo e decostruzionismo francese (soprattutto Michel Foucault e Jacques Derrida), negli studi che uniscono psicologia e linguaggio (Jacques Lacan e, in una prospettiva postlacaniana, Julia Kristeva). Di importanza specifica per gli studi di genere sono anche gli studi gay e lesbici e il postmodernismo. Questi studi non costituiscono un campo di sapere a sé stante, ma rappresentano innanzitutto una modalità di interpretazione. Sono il risultato di un incrocio di metodologie differenti che abbracciano diversi aspetti della vita umana, della produzione delle identità e del rapporto tra individuo e società, individuo e cultura. Per questo motivo una lettura “gender sensitive”, attenta agli aspetti di genere, è applicabile a pressoché qualunque branca delle scienze umane, sociali, psicologiche e letterarie, dalla sociologia all’antropologia, alla letteratura, alla teologia, alla politica, e quindi anche al cinema e agli audiovisivi. Tradizionalmente gli individui vengono divisi in uomini e donne sulla base delle loro differenze biologiche. Nel sentire comune, infatti, il sesso e il genere costituiscono un tutt’uno. Gli studi di genere propongono invece una suddivisione, sul piano teorico- concettuale, tra questi due aspetti dell’identità. Il sesso (sex) costituisce un corredo genetico, un insieme di caratteri biologici, fisici e anatomici che producono un binarismo

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Roberta Todaro Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2357 click dal 07/08/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.